Diritto & Internet

Il cloud computing: il contratto è lo strumento essenziale per risolvere i principali interrogativi giuridici

Se i vantaggi economici, gestionali e organizzativi del cloud computing sono noti, un certo timore e un certo sospetto circondano gli aspetti legali del cloud.

I problemi giuridici, tuttavia, possono essere risolti da un buon contratto che disciplini sicurezza, protezione dei dati personali, legge applicabile e SLA.

Dal punto di vista giuridico, queste sono le principali criticità legate all’espansione delle nuvole. Trasferire dati all’esterno, infatti, ne comporta la perdita di controllo “fisico” da parte dell’utente. Da questo punto di vista i maggiori interrogativi riguardano gli aspetti legati alla sicurezza e alla tutela dei dati personali affidati a terzi.

In particolare, è essenziale definire l’architettura e i ruoli dei vari soggetti coinvolti per chiarirne i doveri collegati all’applicazione della normativa vigente.

Giusella Finocchiaro

Aggiungi commento

Direttore Scientifico
Prof. Avv. Giusella Finocchiaro
Curatrice Editoriale
Dott. Giulia Giapponesi