Direttore Scientifico: Prof.ssa Avv. Giusella Finocchiaro
Curatrice Editoriale: Dott. Giulia Giapponesi

Master Sole 24ore Vi proponiamo qui l’articolo di Giusella Finocchiaro sullo schema di decreto che armonizza l’integrazione del Regolamento dell’Unione Europea sulla privacy, pubblicato sull’inserto privacy del il Sole 24 Ore il 24 maggio 2018.

A distanza di oltre vent’anni dalla prima normativa europea in materia, la direttiva madre 46 del 1995, è giunto il momento di voltare pagina. Prendendo atto dei cambiamento tecnologici (nel 1995 non esistevano gli smartphone) che hanno indotto grandi cambiamenti sociologici (basti pensare alla vita che si svolge sui social network). E’ cambiato anche il contesto economico: oggi i dati sono il nuovo petrolio, come scrive l’Economist. E quello politico: l’Europa si è impegnata nel mercato unico digitale.

Il Regolamento europeo 679/2016, che entra in vigore domani, riflette tutti questi cambiamenti e volta pagina. Innanzitutto detta una disciplina unitaria per tutti gli Stati Membri, salvo alcuni spazi lasciati al legislatore nazionale, definendo così uno spazio unico anche sotto il profilo giuridico, all’interno e verso l’esterno.

Afferma con forza il principio della libera circolazione dei dati, la quale “non può essere limitata nè vietata per motivi attinenti alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali”, come recita l’articolo 1 del regolamento.

Il diritto alla protezione dei dati personali, sancito dalla Carta Dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea, è soggetto a un necessario bilanciamento. I dati personali possono essere al tempo stesso gli elementi su cui si definiscono l’immagine e l’identità dell’individuo, nonché beni economici oggetto di scambio.

Il patrimonio italiano costituito dalla nostra elaborazione normativa, giurisprudenziale e dottrinale, è ormai patrimonio giuridico europeo e in questa prospettiva va correttamente inquadrata la nuova fase della protezione dei dati personali. I principi fondamentali già consolidati sono confermati dal regolamento europeo: così informativa, consenso e altri presupposti di legittimità del trattamento.

Muta però la filosofia di fondo: si passa dall’approccio autorizzatorio a quello fondato sull’accountability. E questo comporta la modifica nella governance: la gestione dei dati personali diviene gestione del rischio, non più soltanto competenza del legale o dell’IP.

In Italia, con grande ritardo, è stata incaricata una commissione legislativa – che ha concluso i lavori in due mesi, il 19 marzo – di predisporre il testo di un decreto legislativo per adeguare la normativa italiana a quella europea.

Opera non strettamente necessaria, essendo il regolamento direttamente applicabile, ma utile per operare un coordinamento. La commissione ha verificato la compatibilità delle norme presenti nell’ordinamento italiano con quelle del regolamento europeo, che direttamente le sostituiscono.

Ha quindi proceduto con un’operazione non frequente: l’abrogazione espressa delle norme italiane sostituite. Si tratta di n’operazione culturale di grande rilevanza, volta a chiarire agli operatori e agli interpreti il quadro normativo di riferimento.

[...]

Continua sull’inserto privacy del Il Sole 24 Ore del 23 maggio 2018.



Lascia un commento - Informativa in materia di protezione dei dati personali