Direttore Scientifico: Prof.ssa Avv. Giusella Finocchiaro
Curatrice Editoriale: Dott. Giulia Giapponesi

Si parla sempre di più del cosiddetto GDPR (General Data Protection Regulation) cioè del nuovo Regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, n. 679/2016, applicabile dal 25 maggio 2018.

Poco si dice, però, sul nuovo approccio alla sicurezza che viene sostanzialmente ribaltato. Il nuovo regolamento non prescrive le misure da adottare, dettandone l’elenco. Al contrario, lascia al titolare del trattamento la valutazione dei rischi, del valore dei dati, della loro criticità e la scelta delle misure di sicurezza da adottare.

Scelta che poi va sottoposta a continuo monitoraggio.

Occorre, dunque, effettuare un’analisi dei flussi informativi e una valutazione dei rischi che incombono su di essi, per decidere poi quali misure adottare.

Dunque, analisi, scelta, proceduralizzazione, implementazione, monitoraggio e presidio.

Non istruzioni dettate dalla norma, ma autovalutazione e gestione. E ovviamente documentazione precisa delle scelte, motivate, e del processo.

Un approccio nuovo basato sulla accountability, che richiede necessariamente competenze integrate: tecnologiche, organizzative e giuridiche.



Lascia un commento