Direttore Scientifico: Prof.ssa Avv. Giusella Finocchiaro
Curatrice Editoriale: Dott. Giulia Giapponesi

Arriva nelle scuole secondarie di primo e secondo grado il “Decalogo anti-bufale”, che punta a fornire ad oltre 4,2 milioni di student gli strumenti per difendersi dalle “fake news”.

Far circolare notizie non verificate o false può creare rischi per la società o diventare pericoloso per le persone per questo è importante diffondere gli strumenti per risalire alla fonte delle notizie e distinguere le informazioni corrette da quelle scorrette.  L’iniziativa – presentata dalla ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli e dalla presidente della Camera Laura Boldrini – è accompagnata dalla campagna #Bastabufale e fa parte di un più ampio pacchetto di azioni che il Miur sta mettendo in campo per la prima volta sul tema del controllo delle fonti e per l’educazione civica digitale. Fra i partner del progetto ci sono la Rai, la Federazione degli editori (Fieg), Confindustria, ma anche le piattaforme su cui circolano le false notizie, come Facebook e Google.

“Condividi solo notizie che hai verificato, usa gli strumenti di Internet per verificare le notizie, chiedi le fonti e le prove, chiedi aiuto a una persona esperta o a un ente davvero competente, ricorda che anche Internet e i social sono manipolabili”,  queste sono alcuni degli otto punti del decalogo che sarà completato dagli studenti con i due mancanti, attraverso uno strumento di scrittura cooperativa che il Miur metterà a disposizione delle scuole sul proprio sito.

Per gli insegnanti è invece previsto un pacchetto di materiali didattici legati all’iniziativa. “I giovani di oggi sono nativi digitali, ma non devono essere consumatori passivi di tecnologia, quanto piuttosto consumatori critici e produttori consapevoli di informazione e conoscenza. È un principio cardine anche del nostro Piano nazionale per la scuola digitale..

Grazie ad un accordo con la Camera, nelle scuole è già stata inviata la Dichiarazione dei diritti in Internet, per promuovere una corretta educazione civica digitale. Il Miur ha stipulato anche altri accordi-chiave, come quello siglato il 18 ottobre con la Federazione Nazionale della Stampa, che mette al centro la cultura dell’informazione e della correttezza delle fonti, in chiave anche di contrasto all’illegalità.

Quotidiano Nazionale, testata che riunisce Il Resto del Carlino, Il Giorno e La Nazione, il 22 maggio 2017 ha pubblicato un’analisi di Giusella Finocchiaro sulle implicazioni giuridiche correlate al fenomeno Blue Whale.

Le recenti notizie di suicidi di adolescenti indotti via Internet con il gioco Blue Whale sollevano ancora una volta il problema della responsabilità giuridica.

Chi è il responsabile? In questo caso, anche penalmente? Certamente chi è l’autore del reato, ma questi è spesso anonimo e difficilmente individuabile. Oltre a questo, anche il social network che ha diffuso la comunicazione? A differenza dell’autore del reato, infatti, i social network, così come i gestori del sito e di blog, sono più facilmente individuabili. Il tema della responsabilità del provider fu affrontato già alla fine degli anni ‘90, quando l’Unione Europea ha elaborato la direttiva sul commercio elettronico, poi approvata nel 2000. In quella direttiva fu affermato il principio in base al quale il provider non ha obbligo di controllo e sorveglianza preventivi. Allora come oggi gli elementi a favore della responsabilità del provider (ovviamente ulteriore, rispetto a quella dell’autore dell’illecito) erano: individuabilità e solvibilità del soggetto, possibilità per questi di effettuare un controllo. Dall’altro lato, gli argomenti contro erano: la difficoltà tecnica di effettuare un controllo preventivo , il condizionamento esercitato dal controllo preventivo (ad esempio sull’espressione di un’opinione libera) , il costo dell’attività di controllo.

Mentre è evidente che il provider o il social network siano nella migliore posizione per effettuare un controllo preventivo, meno evidenti sono i costi del controllo, sia sotto un profilo economico che sotto un profilo sociale. Il controllo, infatti, richiede risorse economiche e tecnologiche, mentre se esercitato da un soggetto economico quale il provider potrebbe portare ad una forma di censura privata. Si giunse quindi all’affermazione dell’assenza dell’obbligo di sorveglianza e controllo preventivi. In giurisprudenza si è affermata, talvolta, la responsabilità del gestore del sito o del provider per mancata collaborazione con l’autorità giudiziaria o per mancata rimozione del contenuto lesivo, quando richiesto. In tali casi il gestore o il provider potrebbero, secondo le circostanze, essere ritenuti concorrenti nell’illecito.

In altri casi i giudici hanno cercato di costruire una responsabilità per altra via: per esempio, attraverso la legge sulla protezione dei dati personali o attraverso la legge sul diritto d’autore. Così per esempio el caso di Google- Vividown. Secondo la recente legge sul cyberbullismo i gestori di piattaforme virtuali come i social network e, in generale, tutti i fornitori di contenuti du Internet possono essere destinatari di richieste di oscuramento o rimozione di contenuti lesivi.Oggi dunque il social network non è responsabile, salvo letture molto recenti della giurisprudenza come nel caso Cantone, che hanno portato il Tribunale di Napoli (3 novembre 2016) a stabilire la responsabilità del provider che ha l’obbligo di rimuovere i contenuti (nello specifico link a siti di terze parti pubblicati da utenti del social network) semplicemente su richiesta di un utente e senza attendere l’ordine di un’autorità giudiziaria.

Questo modello è attualmente in discussione e alcuni richiedono di configurare la responsabilità del provider e di eliminare l’anonimato.

Il problema è, come sempre, chi debba dettare le regole, e anche il legislatore europeo ha un campo di azione limitato. Come per il fenomeno delle fake news, i grandi operatori propongono un sistema di autoregolamentazione. Ma ovviamente, mai come in questo caso, trattandosi di un fenomeno in corso di stabilizzazione, dettare le regole significa esercitare il potere.

posted by admin on maggio 19, 2017

Tutela dei minori in rete

(No comments)

La Camera dei deputati ha approvato in via definitiva – senza ulteriori modifiche – la proposta di legge A.C. 3139-B, che detta disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno del cyberbullismo.

Il provvedimento introduce misure di carattere educativo e formativo, allo scopo di favorire una maggior consapevolezza tra i giovani del disvalore di comportamenti persecutori che, generando spesso isolamento ed emarginazione, possono portare a conseguenze anche molto gravi su vittime in situazione di particolare fragilità.

In particolare la disposizione prevede che i minorenni vittime di cyber-bullismo (e chi esercita la responsabilità genitoriale nei loro riguardi) possano rivolgersi al gestore del sito Internet o del social media o, comunque, al titolare del trattamento per ottenere provvedimenti inibitori e prescrittivi a loro tutela (oscuramento, rimozione, blocco di qualsiasi altro dato personale del minore diffuso su Internet, con conservazione dei dati originali). Dal canto suo, il titolare del trattamento o il gestore del sito o del social media deve comunicare, entro 24 ore dall’istanza, di avere assunto l’incarico e deve provvedere sulla richiesta nelle successive 48 ore. In caso contrario l’interessato può rivolgere analoga richiesta, mediante segnalazione o reclamo, al Garante per la protezione dei dati personali che deve provvedere, in base alla normativa vigente, entro le successive 48 ore;

Il provvedimento istituisce inoltre un tavolo tecnico per la prevenzione ed il contrasto del cyberbullismo e prevede l’adozione, da parte del MIUR, sentito il Ministero della giustizia, di apposite linee di orientamento – da aggiornare ogni due anni – che dovranno indicare una specifica formazione del personale scolastico, la promozione di un ruolo attivo degli studenti e la previsione di misure di sostegno e rieducazione dei minori coinvolti;

È prevista la designazione, in ogni istituto scolastico, di un docente referente per le iniziative contro il cyberbullismo che dovrà collaborare con le Forze di polizia, e con le associazioni e con i centri di aggregazione giovanile presenti sul territorio.

In caso di episodi di cyberbullismo in ambito scolastico, si prevede inoltre l’obbligo da parte del dirigente responsabile dell’istituto di informare tempestivamente i genitori (o i tutori) dei minori coinvolti e di attivare adeguate azioni educative.

Come già avviene per il reato di stalking, anche sul cyberbullismo il provvedimento applica la disciplina sull’ammonimento del questore: fino a quando non sia stata proposta querela o presentata denuncia per i reati di ingiuria, diffamazione, minaccia o trattamento illecito di dati personali commessi online da minorenni ultraquattordicenni nei confronti di altro minorenne, il questore – assunte se necessario informazioni dagli organi investigativi e sentite le persone informate dei fatti – potrà convocare il minore responsabile ammonendolo oralmente ed invitandolo a tenere una condotta conforme alla legge.

La proposta di legge contiene inoltre di disposizioni per il finanziamento di progetti e la promozione dell’uso consapevole di internet.

Il provvedimento era stato già  approvato dal Senato, in prima lettura, il 20 maggio 2015, poi modificato dalla Camera il 20 settembre 2016 e, quindi, nuovamente approvato dal Senato, con modificazioni, il 31 gennaio 2017.

Le modifiche apportate nell’ultimo passaggio al Senato hanno dato una nuova impostazione  all’intervento normativo basata esclusivamente su strumenti preventivi di carattere educativo, nei confronti dei minori (vittime e autori del bullismo sul web) da attuare in ambito scolastico. Ciò in contrasto rispetto all’impostazione dell’ultimo testo-Camera che agli interventi educativi affiancava anche strumenti di natura penale. Inoltre, il testo trasmesso dal Senato si riferisce a prevenzione e contrasto del solo cyberbullismo, risultando soppresso ogni riferimento al bullismo.

snapchatLa polizia inglese ha inserito nel database dei trafficanti di immagini pedopornografiche un quattordicenne che ha utilizzato Snapchat per inviare l’autoscatto di un nudo integrale a una compagna di classe.

La fotografia, inviata utilizzando la app che cancella automaticamente entro 10 secondi le immagini spedite, è stata salvata dalla ragazza sul proprio telefono, per poi essere condivisa con altri coetanei. L’accaduto è giunto all’attenzione della polizia, che pur non incriminando il ragazzo ha classificato l’atto come “produzione e distribuzione di immagini oscene di minorenni”. Il quattordicenne non sarà incriminato per avere flirtato in modo esplicito con una coetanea, ma vedrà il proprio nome iscritto nel dossier della polizia per 10 anni.

Il Guardian, riportando l’accaduto, ha sottolineato come l’inserimento del nome del ragazzo nel registro dei trafficanti pedopornografici oltre che umiliante risulterà inevitabilmente dannoso: sarà impossibile per lui accedere a lavori a contatto con bambini, e ogni potenziale datore di lavoro potrà individuarlo nel Criminal Records Bureau (CBR).

La BBC ha riferito che al momento dell’interrogatorio il ragazzo era solo e privo di tutela legale, perciò non consapevole delle implicazioni cui sarebbe andato incontro con le sue risposte. Al riguardo, l’agente di polizia che lo ha interrogato ha spiegato che in tali circostanze non sia necessario informare familiari.

L’incidente ha ravvivato il dibattito che da tempo si incentra sul paradosso cui conducono leggi rigorose ma non adeguate alla continua evoluzione dei social network, al punto di giungere talvolta a colpire le stesse persone che si vorrebbe proteggere. Infatti, se la distribuzione dell’immagine fosse stata intesa e classificata come atto di “revenge porn”, il giovane inglese sarebbe stato restituito al ruolo di vittima anziché di carnefice.

app_storeGoogle ha annunciato che, per venire incontro alle prescrizioni della Commissione Europea, cesserà di etichettare come “gratuite” le App che contengono opzioni di pagamento.

In seguito al considerevole numero di ricorsi di genitori in merito ai cosiddetti acquisti “in-app” dei videogiochi, che spesso vengono effettuati inconsapevolmente dai bambini, nel dicembre 2013 la Commissione Europea di concerto con le Autorità nazionali aveva formulato una serie di richieste indirizzate ad Apple, Google e all’Interactive Software Federation of Europe.

Le richieste vertevano sulle modalità di comunicazione delle possibilità di acquisto contenute nelle App. In particolare veniva richiesto ai distributori di presentare soluzioni concrete rispetto ad azioni da intraprendere quali:

- evitare di presentare i giochi come “gratuiti” se contengono opzioni di  pagamento;

- non inserire esortazioni dirette ai bambini né sull’acquisto diretto né sul ricorso ai genitori per acquistare parti del gioco;

- evitare l’addebito diretto attraverso impostazioni di default ma richiedere l’esplicito consenso al pagamento agli utenti, che devono essere correttamente informati  sui metodi di pagamento;

- inserire un indirizzo email di contatto per l’inoltro di eventuali reclami.

Recentemente, Google ha fatto sapere di avere in programma una serie di modifiche risolutive che saranno operative dal prossimo settembre. Tra queste, l’eliminazione della parola “gratis” dalla descrizione di App che hanno opzioni di pagamento, lo sviluppo di linee guida per gli sviluppatori e l’introduzione di alcune impostazioni prestabilite che prevedano un’esplicita autorizzazione ai pagamenti.  Per quanto riguarda la Apple, al momento l’azienda di Cupertino non ha annunciato cambiamenti in vista.

La conversione delle prescrizioni in provvedimenti e le eventuali sanzioni sono ora affidate alle singole Authority nazionali.

googleIl capo di Google Eric Schmidt ha annunciato che la compagnia sta introducendo nuove modalità per eliminare i siti pedopornografici dai risultati delle sue ricerche.

Schmidt ha spiegato che Google ha pianificato diverse azioni volte a contrastare il fenomeno: da un affinamento dell’algoritmo del motore di ricerca che dovrebbe portare alla ”pulizia” di oltre 100.000 risultati, all’introduzione di avvisi che ricordano che la pedopornografia è illegale, correlati da informazioni su dove trovare aiuto.

Per quanto riguarda le immagini che appaiono nei risultati delle ricerche, Google ha messo a punto una squadra di dipendenti che avranno il compito di distinguere tra immagini in violazione dei diritti dei minori e immagini socialmente accettabili. Una volta che un’immagine verrà identificata come pedopornografica Google assegnerà un codice identificativo alla foto, che la renderà non visualizzabile dai comuni computer. 

Sul versante dei filmati, il CEO di Mountain View ha annunciato che i suoi ingegneri stanno mettendo a punto un sofisticato sistema di blocco dei video illegali che sarà testato a breve.

In ultimo, Schmidt ha anticipato che Google promuoverà delle internship di tecnici specializzati e invierà alcuni ingegneri a supporto delle associazioni UK’s Internet Watch Foundation e l’US National Center for Missing and Exploited Children per aiutarle nel lavoro di individuazione e arginamento dei contenuti illegali.

Le nuove funzionalità di Google per la lotta agli abusi sui minori sono state presentate da Schmidt in un articolo a sua firma apparso sul quotidiano britannico Daily Mail. La scelta del tabloid inglese è da ricondursi alla recente campagna di pressione da parte di alcuni politici inglesi sulle misure contro la pedopornografia online.

Tuttavia c’è chi ha già sostenuto che purtroppo le nuove misure di Google non saranno sufficienti a frenare il fenomeno. Il Child Exploitation and Online Protection Centre in un’intervista alla BBC ha spiegato che la maggioranza dei consumatori di pedopornografia  non utilizza i motori di ricerca per procurarsi il materiale illegale ma predilige reti peer-to-peer o utilizza protocolli per l’anonimato online, come Tor.

L’articolo di Eric Schmidt sul Daily Mail è disponibile cliccando QUI.

Il Movimento italiano genitori (Moige) ha presentato formale denuncia alla Procura di Roma nei confronti di Facebook per omesso controllo e vigilanza sui contenuti web ritenuti la causa del suicidio della 14enne di Novara. La giovane si era tolta la vita lo scorso gennaio in seguito alle umiliazioni perpetrate in rete da parte di alcuni suoi coetanei.

L’azione legale del Moige contro Facebook segue di poche settimane l’iscrizione sul registro degli indagati da parte della Procura di Torino di otto minorenni novaresi accusati di istigazione al suicidio e detenzione di materiale pedopornografico. L’accusa formale arriva a conclusione dell’indagine avviata dopo il suicidio della studentessa 14enne, suicidatasi dopo essere stata oggetto di cyberbullismo su Facebook da parte di alcuni compagni di scuola.

La procura di Novara ha avviato una seconda indagine che, a quanto si apprende dalla stampa, si basa su alcune testimonianze che riferiscono di richieste inascoltate di rimuovere le frasi ingiuriose contro la giovane pubblicate su diversi profili Facebook di suoi conoscenti.

Secondo l’ipotesi dell’accusa il suicidio dell’adolescente potrebbe essere stato istigato dalle ingiurie e da alcuni video che circolavano sul social network.

L’attribuzione della responsabilità che il Moige vorrebbe imputare a Facebook ricorda il celebre caso Google-Vividown, che nel 2010 ha causato una condanna di primo grado a 4 dirigenti di Google, condannati a 6 mesi di carcere e successivamente assolti in appello.