Direttore Scientifico: Prof.ssa Avv. Giusella Finocchiaro
Curatrice Editoriale: Dott. Giulia Giapponesi

privacy8_320x245Il regolamento privacy (Regolamento 2016/679, GDPR) sarà a breve direttamente applicabile su tutto il territorio europeo. Ha inizio per imprese, pubbliche amministrazioni e privati cittadini il rush finale per adeguarsi alle disposizioni previste dalla nuova normativa. Allo scopo di facilitare la lettura di un testo complesso e articolato come il GDPR, si propongono una serie di semplici schede informative, attraverso la formula del Q&A, che, riprendendo concetti ormai noti nell’ambito privacy, offrono un sintetico orientamento alla nuova normativa.

Quali sono i diritti dell’interessato?

L’interessato, cioè la persona fisica i cui dati personali sono trattati, detiene una serie di diritti, esercitabili nei confronti del titolare del trattamento in qualunque momento, che gli permettono di mantenere il controllo sui dati che ha conferito e sul loro utilizzo.

Questi diritti, già previsti anche dal Codice privacy, sono per esempio: il diritto di accesso ai propri dati (in base al quale l’interessato ha diritto di ottenere la presa visione dei dati che lo riguardano e di una serie di informazioni aggiuntive); il diritto di rettifica (in base al quale l’interessato può chiedere la correzione o integrazione dei dati comunicati); il diritto di opposizione (in base al quale l’interessato ha diritto di opporsi al trattamento in corso al ricorrere di specifiche circostanze).

Cosa cambia con il GDPR?

Per quanto riguarda i diritti, il GDPR ne arricchisce l’elenco, aggiungendo alla lista: il diritto di cancellazione (o diritto all’oblio); il diritto di limitazione del trattamento e il diritto alla portabilità.

Dal punto di vista dei titolari, rimane in capo agli stessi l’obbligo di agevolare l’esercizio dei diritti da parte degli interessati (adottando ogni misura tecnica e organizzativa idonea) e di dare riscontro alle loro richiese (eventualmente con la collaborazione del responsabile del trattamento).

Il GDPR, in particolare, stabilisce che il termine per la risposta all’interessato è, per tutti i diritti, 1 mese, che può essere esteso fino a 3 mesi, in considerazione della complessità e del numero di richieste ricevute. In ogni caso, il titolare deve dare un riscontro all’interessato entro 1 mese dalla richiesta, anche in caso di diniego. La risposta, di regola in forma scritta, deve essere concisa, trasparente e formulata in un linguaggio semplice e chiaro.

Cos’è il diritto di cancellazione (diritto all’oblio)?

Il diritto all’oblio costituisce il diritto dell’interessato di richiedere al titolare del trattamento la cancellazione dei dati dallo stesso detenuti.

Il diritto all’oblio, però, non può essere esercitato in ogni circostanza, ma solo in presenza di una delle condizioni elencate all’art. 17 del GDPR. Queste ricorrono nel caso in cui:

1) i dati esuberino rispetto al perseguimento delle finalità di trattamento;

2) si sia revocato il consenso al trattamento o si sia esercitato il diritto di opposizione;

3) il trattamento risulti illecito;

4) i dati debbano essere cancellati per adempiere ad un obbligo di legge;

5) i dati siano stati raccolti nell’ambito di un servizio della società dell’informazione, quando l’interessato era ancora minorenne (quindi non pienamente consapevole dei rischi derivanti dal trattamento).

All’obbligo del titolare di adempiere alla richiesta di cancellazione dell’interessato, in una delle situazioni sopra elencate, si aggiunge un onere ulteriore. Negli ambienti digitali, infatti, la circolazione e diffusione delle informazioni raggiunge portata ben più significativa rispetto alla loro circolazione nel mondo fisico. Per questo motivo il GDPR ha previsto che il titolare, nel caso in cui abbia reso i dati personali dell’interessato pubblici (es. su un sito web), dovrà anche informare gli altri titolari del trattamento della richiesta espressa dall’interessato di cancellare qualsiasi link o copia o riproduzione dei suoi dati personali.

Gli unici limiti al diritto all’oblio sono previsti nel caso in cui il diritto dell’interessato ad ottenere la cancellazione dei suoi dati soccomba di fronte a interessi superiori. È il caso, per esempio, in cui il trattamento dei dati sia necessario per l’esercizio del diritto alla libertà di espressione e di informazione o, ancora, perché sia richiesto dalla legge o sia necessario al perseguimenti di un interesse pubblico. Il diritto all’oblio potrebbe inoltre essere negato nel caso in cui la conservazione dei dati sia necessaria per l’accertamento, l’esercizio o la difesa di un diritto in sede giudiziaria.

Cos’è il diritto di limitazione del trattamento?

L’esercizio da parte dell’interessato di questo diritto, gli consente di, appunto, “limitare” il trattamento dei suoi dati in una serie di situazioni in cui, pur non venendo totalmente meno un interesse al loro trattamento, l’interessato ne richiede una restrizione temporanea.

Il diritto di ottenere una limitazione nel trattamento può essere esercitato quando:

1) l’interessato contesta l’esattezza dei dati personali, e richiede quindi una limitazione al loro utilizzo per il periodo necessario al titolare del trattamento per verificare l’esattezza di tali dati personali;

2) il trattamento è illecito, ma l’interessato si oppone alla cancellazione dei dati personali e chiede invece che ne sia limitato l’utilizzo;

3) benché il titolare non ne abbia più bisogno ai fini del trattamento, i dati personali sono necessari all’interessato per l’accertamento, l’esercizio o la difesa di un diritto in sede giudiziaria;

4) l’interessato si è opposto al trattamento, e si attua la limitazione del trattamento in attesa della verifica in merito all’eventuale prevalenza dei motivi legittimi del titolare del trattamento rispetto a quelli dell’interessato.

Cos’è il diritto alla portabilità dei dati?

Il diritto alla portabilità si presenta come un diritto dal duplice contenuto. Da un lato, si sostanzia nel diritto dell’interessato di ricevere i dati in un formato strutturato, di uso comune, che sia leggibile da dispositivi automatici. Non ci sono espresse indicazioni sul tipo di formato utilizzabile, ma è evidente che l’obbiettivo è quello di garantire che i dati siano forniti in un formato “interoperabile”, che ne consenta il facile riutilizzo da una molteplicità di dispositivi e servizi.

Dall’altro lato, il diritto alla portabilità si sostanzia nel diritto di trasmettere (ma anche di ottenere la trasmissione diretta di) i suoi dati a un altro titolare del trattamento, senza che il titolare “originario” possa impedirlo.

Anche il diritto alla portabilità non può essere esercitato incondizionatamente, ma solo qualora i dati personali rispettino una serie di condizioni, in particolare devono:

1) essere dati personali chiaramente riferibili all’interessato (ovviamente rimangono esclusi i dati anonimi);

2) essere trattati sulla base del consenso preventivo dell’interessato o di un contratto di cui e? parte l’interessato;

3) essere trattati attraverso strumenti automatizzati;

4) essere stati forniti dall’interessato. Questa condizione, però, deve interpretarsi in senso ampio, per cui il diritto non è limitato ai dati forniti consapevolmente e in modo attivo dall’interessato (es. dati raccolti attraverso un form di iscrizione) ma si estende anche ai dati forniti attraverso la fruizione di un servizio o l’utilizzo di un dispositivo (es. dati di localizzazione o la cronologia del browser dell’interessato).

È importante precisare che il diritto alla portabilità, invece, non può essere esercitato sui dati c.d. “derivati”, cioè il prodotto del lavoro di analisi effettuato dal titolare sulla base di dati personali dallo stesso raccolta. Si tratta, in altre parole, di dati “creati” dal titolare, sui quali lo stesso mantiene il controllo (es. l’esito di una valutazione concernente la salute di un utente o il profilo creato al fine di attribuire uno score creditizio o di ottemperare a normativa antiriciclaggio).

posted by admin on agosto 25, 2017

Diritto all'oblio

(No comments)

Il tempo non è l’unico elemento da considerare quando si esaminano casi di Diritto all’oblio, il ruolo pubblico svolto dai soggetti coinvolti e l’attualità della notizia sono fattori importanti che vanno presi in esame.

Sebbene il tempo trascorso dai fatti riportati sui giornali sia l’elemento più importante per valutare l’accoglimento di una richiesta di “diritto all’oblio”, in una recente pronuncia il Garante privacy ha ricordato che è necessario valutare anche ulteriori circostanze.

La decisione riguarda il ricorso presentato da un alto funzionario pubblico che chiedeva a Google la rimozione di alcuni risultati di ricerca ottenuti digitando il proprio nome. Si trattava di link ad articoli nei quali erano riportate notizie relative ad una vicenda giudiziaria risalente a 16 anni fa, che si era conclusa con la condanna del funzionario, che poi negli anni a seguire era stato integralmente riabilitato. Uno degli articoli di cui si chiedeva la rimozione era stato pubblicato all’epoca dei fatti mentre altri, più recenti, avevano ripreso la notizia in occasione dell’assunzione di un nuovo importante incarico da parte dell’interessato.

Il Garante ha affermato che nel valutare un caso di diritto all’oblio occorre prendere in esame tutti i risultati di ricerca ottenuti digitando il nome e cognome dell’interessato, anche associato ad ulteriori parole di specificazione, quali il ruolo ricoperto o la circostanza dell’avvenuta condanna.

Un’interpretazione in linea con la nota sentenza della Corte di Giustizia del 13 maggio 2014 conosciuta come “Google Spain”, nella quale si afferma che il motore di ricerca è obbligato a eliminare, dall’elenco di risultati di una ricerca effettuata a partire dal nome di una persona, i link verso pagine web pubblicate da terzi e contenenti informazioni relative a questa persona, anche nel caso in cui tale nome o tali informazioni non vengano previamente o simultaneamente cancellati dalle pagine web, e anche quando la loro pubblicazione su tali pagine web sia di per sé lecita. Secondo la sentenza devono essere presi in considerazione tutti gli url raggiungibili effettuando una ricerca “a partire dal nome”, senza escludere quindi la possibilità che ad esso possano essere associati ulteriori termini volti ad ottenere risultati specifici.

Chiarito questo punto rilevante, l’Autorità ha dunque ordinato a Google di deindicizzare l’URL che rinviava all’unico articolo avente ad oggetto, in via diretta, la notizia della condanna penale inflitta al ricorrente. Il Garante ha ritenuto infatti che, considerato il tempo trascorso e l’intervenuta riabilitazione, la notizia non risultasse più rispondente alla situazione attuale.

Viceversa, per quanto riguarda gli altri articoli indicati dal ricorrente, il Garante ha riconosciuto che questi, pur richiamando la stessa vicenda giudiziaria, “inseriscono la notizia in un contesto informativo più ampio, all’interno del quale sono fornite anche ulteriori informazioni” legate al ruolo istituzionale attualmente ricoperto dall’interessato e che tali risultati erano di indubbio interesse pubblico “anche in ragione del ruolo nella vita pubblica rivestito dal ricorrente”. Pertanto, riguardo alla richiesta di una loro rimozione, ha dichiarato il ricorso infondato.

Quotidiano Nazionale, testata che riunisce Il Resto del Carlino, Il Giorno e La Nazione, il 28 giugno 2017 ha pubblicato un’analisi di Giusella Finocchiaro sulle implicazioni giuridiche correlate al predominio di Google sul reperimento delle informazioni.

Google ha visto infliggersi una sanzione di 2.4 miliardi di euro, per abuso di posizione dominante, dalla Commissione europea.

Il servizio Google Shopping, infatti, sarebbe favorito nel ranking di ricerca, rispetto ad analoghi servizi dei concorrenti. Secondo l’argomento della Commissione, ad esempio, e l’esempio è di fantasia, se si vuole comprare un iphone e si digita su Google “compra iphone”, il servizio Google Shopping è quello che risulta al primo posto, anche prima dell’annuncio a pagamento effettuato su Google dalla stessa Apple.

Secondo la Commissione, Google avrebbe impedito alle altre società di competere sul mercato, sottraendo ai consumatori europei la possibilità di scegliere liberamente tra i diversi servizi offerti e di beneficiare pienamente dell’innovazione.

Ora, in questo caso, il tema è squisitamente commerciale.

Ma lo scenario muta radicalmente se si sostituisce l’iphone dell’esempio ad un’informazione non commerciale, dal momento che “l’accessibilità universale delle informazioni su Internet dipende dai motori di ricerca, dato che trovare informazioni rilevanti senza di essi sarebbe troppo complicato e difficile e produrrebbe risultati limitati”, come affermava l’avvocato generale della Corte di giustizia dell’Unione europea nella sentenza Google Spain che ha sancito il cosiddetto “diritto all’oblio”. In pratica, oggi se cerchiamo un’informazione su Internet ci serviamo dei motori di ricerca. Ma questo crea le condizioni per un naturale predominio dei motori di ricerca sulle informazioni e non è difficile immaginare scenari che vanno dalla censura alle fake news. Tutto dipende dal punto di vista e il motore di ricerca fornisce un punto di vista che ovviamente è relativo: se non c’è su Internet, allora non esiste. D’altronde, “se un albero cade in una foresta e nessuno lo sente, fa rumore?”

posted by admin on dicembre 12, 2016

Diritto all'oblio

(No comments)

Nelle vicende giudiziarie di grave entità l’interesse pubblico a conoscere le notizie prevale sul diritto all’oblio delle persone coinvolte.

Con questa motivazione il Garante privacy ha dichiarato infondata la richiesta di deindicizzazione di alcuni articoli presentata da un ex consigliere comunale. L’uomo era stato coinvolto nel 2006 in un processo per corruzione e truffa, che nel 2012 si era concluso con sentenza di patteggiamento e pena interamente coperta da indulto.

Dopo essersi rivolto a Google invano, l’ex consigliere aveva presentato ricorso al Garante chiedendo la rimozione di alcuni url relativi all’indagine in cui era rimasto coinvolto, che apparivano nei risultati delle ricerche associate al suo nome. Secondo l’uomo, la permanenza in rete di tali notizie, risalenti a circa dieci anni prima e ormai prive di interesse, gli avrebbe causato un danno all’immagine, alla vita privata e all’attuale attività lavorativa, peraltro non più connessa ad incarichi pubblici.

In accordo con le Linee guida dei Garanti europei, l’Autorità ha sottolineato che sebbene il trascorrere del tempo sia la componente essenziale del diritto all’oblio, questo elemento incontra un limite quando le informazioni di cui si chiede la deindicizzazione siano riferite a reati gravi e che hanno destato un forte allarme sociale. Inoltre, nonostante fosse trascorso un certo lasso di tempo dai fatti riportati negli articoli, nel caso specifico meritava considerazione il fatto che la vicenda giudiziaria si fosse definita solo pochi anni prima. Oltre a ciò, alcuni url richiamavano la notizia in articoli relativi ad una maxi inchiesta sulla corruzione pubblicati fino al 2015 e la loro relativa attualità dimostra l’interesse ancora vivo e attuale dell’opinione pubblica.

frontespizioPresentiamo qui l’editoriale di Giusella Finocchiaro pubblicato su Quotidiano Nazionale e Il resto del Carlino il 15 settembre 2016.

La distinzione fra reale e virtuale non ha più senso in un mondo in cui comunichiamo e ci esprimiamo con tutti gli strumenti a disposizione, ma la dignità della persona, alla base dei diritti fondamentali dell’uomo come riconosce anche la Carta Europea, sembra avere perso ogni significato. Vicende angoscianti quelle delle ultime ore, che hanno visto come protagonista il web. Tiziana Cantone si è tolta la vita a causa della diffusione di video intimi in rete. Una ragazza di 17 anni violentata in discoteca a Rimini in condizioni di incapacità, come si è letto sui giornali, è stata filmata, nei momenti in cui si consumava l’abuso, dalle – presunte – amiche. Al di là dei sentimenti di cordoglio, angoscia, indignazione che il lettore prova (o dovrebbe provare) leggendo simili notizie, alcune considerazioni tecnico-giuridiche si possono svolgere, sulla base delle prime informazioni ricavate in queste ore dai media. Fughiamo subito ogni dubbio: la trasmissione di contenuti personali a un conoscente o a un amico non implica un consenso tacito alla diffusione o alla divulgazione di quei contenuti.

L’articolo continua su Quotidiano.net

Il Garante privacy respinge il ricorso di un ex terrorista che chiedeva la deindicizzazione di pagine web in cui erano riportati gravi reati di cui si era macchiato tra la fine degli anni 70 e i primi anni 80.

Dopo aver finito di scontare la sua pena nel 2009, l’uomo si era rivolto a Google chiedendo la rimozione di alcuni url e dei suggerimenti di ricerca che vengono visualizzati dalla funzione di “completamento automatico”, grazie alla quale inserendo nome e cognome dell’interessato compariva la parola “terrorista”.

Non avendo Google dato corso alla richiesta, l’ex terrorista si è rivolto al Garante per la Protezione dei Dati Personali lamentando che la permanenza in rete di contenuti risalenti così indietro nel tempo e fuorvianti rispetto all’attuale percorso di vita, era causa di gravi danni dal punto di vista personale e professionale. Il ricorrente, sostenendo di non essere un personaggio pubblico ma un libero cittadino, reclamava quindi il diritto all’oblio.

L’Autorità ha respinto il ricorso sulla base del fatto che le informazioni di cui si chiede la deindicizzazione fanno riferimento a reati particolarmente gravi, che rientrano tra quelli indicati nelle Linee guida sull’esercizio del diritto all’oblio adottate dal Gruppo di lavoro dei Garanti privacy europei nel 2014, reati per i quali le richieste di rimozione devono essere valutate più severamente.

Il Garante ha inoltre sottolineato come nella fattispecie le informazioni abbiano assunto una valenza storica e segnato la memoria collettiva. Si tratta di una delle pagine più buie della storia italiana, della quale il ricorrente non è stato un comprimario, ma un vero e proprio protagonista. Inoltre, nonostante il lungo lasso di tempo trascorso dagli eventi l’attenzione del pubblico è tuttora molto alta su quel periodo e sui fatti trascorsi, come dimostra l’attualità dei riferimenti raggiungibili mediante gli stessi url.

Il Garante ritenendo quindi prevalente l’interesse del pubblico ad accedere alle notizie in questione, ha dichiarato infondata la richiesta di rimozione degli url indicati dal ricorrente ed indicizzati da Google.

Il provvedimento è pubblicato QUI.

Il colosso di Mountain View dovrà pagare una multa di 100.000 euro per non aver filtrato i risultati delle sue ricerche come imposto dalla sentenza della Corte di Giustizia dell’Unione Europea del 13 maggio 2014.

La Commission Nationale de l’Informatique et des Libertes (CNIL) ha specificato che l’obbligo a cancellare dai risultati di ricerca le informazioni “inadeguate, non pertinenti o non più pertinenti” qualora gli interessati lo richiedano, vale per tutti i siti gestiti da Google.

Nonostante Google abbia provveduto a mettere a disposizione un modulo per la richiesta di cancellazione dei link, lo scorso maggio l’Authority francese ha rilevato che l’attività di deindicizzazione dei risultati è stata applicata solo ai domini di Google relativi ai paesi europei. Se dunque un risultato veniva eliminato dalle ricerche su Google.fr (Francia) questo non avveniva anche nel motore di ricerca internazionale Google.com.

La CNIL ha dunque ordinato a Google di provvedere alla rimozione dei risultati segnalati su tutti i domini di sua gestione, ma la compagnia di Mountain View si è opposta a questa richiesta in nome del diritto di espressione, sottolineando i limiti giurisdizionali dell’Authority di Francia che, a suo avviso, non avrebbe potere di censura sul dominio americano.

Google ha infatti sottolineato che i risultati vengono filtrati anche su google.com qualora l’accesso al portale provenga da un’utenza francese.

Tuttavia, la CNIL ha rigettato questa motivazione sostenendo che la tutela al diritto alla privacy dei cittadini non può essere subordinata alla provenienza geografica delle persone che consultano i risultati delle ricerche.

Google ha annunciato che ricorrerà in appello contro il provvedimento.

posted by admin on ottobre 27, 2015

Diritto all'oblio, reputazione online

(No comments)

erasePubblicato un bilancio delle richieste inviate dai cittadini all’Autorità Garante per la protezione dei dati per ottenere la rimozione di alcuni link dai risultati dei motori di ricerca.

In seguito della sentenza della Corte di Giustizia dell’Unione Europea del 13 maggio 2014 – che ha stabilito che Google deve cancellare dai risultati di ricerca le informazioni “inadeguate, non pertinenti o non più pertinenti” qualora gli interessati lo richiedano – la compagnia di Mountain View ha pubblicato un modulo per il “diritto all’oblio”, grazie al quale gli utenti possono chiedere la cancellazione dei risultati associati al loro nome. Ogni richiesta di rimozione viene valutata dal motore di ricerca che acconsente alla cancellazione solo quando la notizia viene ritenuta priva di rilevante interesse per il pubblico.

A partire da maggio 2014, le richieste di rimozione pervenute a Google dai cittadini italiani sono state 25.118, per un totale di 82.603 URL. Sebbene le richieste siano state rifiutate nel 70,5% dei casi, l’Authority ha evidenziato come solo una esigua percentuale degli applicanti respinti si sia successivamente rivolta al Garante per un ricorso.

Le istanze inoltrate da comuni utenti e figure pubbliche locali dopo la mancata rimozione sono circa 50, delle quali una decina “in via di definizione” . La maggior parte dei ricorsi si è conclusa con un rigetto, e solo in un terzo dei casi sono state accolte le richieste.

Il Garante ha reso noto che per ogni singolo caso è stato valutato se le informazioni fossero di interesse pubblico e se da ritenersi eccedenti o potenzialmente dannose per la reputazione e la vita privata del ricorrente. I casi rigettati riguardano infatti “vicende processuali di sicuro interesse pubblico, anche a livello locale, spesso recenti o per le quali non erano ancora stati esperiti tutti i gradi di giudizio. I dati personali riportati, tra l’altro, risultavano trattati nel rispetto del principio di essenzialità dell’informazione”.

Google dovrà procedere alla rimozione dei link segnalati per tutti i ricorsi accolti dall’Autorità Garante.

Nella nota pubblicata dal Garante non si fa riferimento ai ricorsi che coinvolgono altri motori di ricerca, poiché il numero delle richieste di deindicizzazione da parte dei cittadini è in questo caso di gran lunga inferiore.

posted by admin on agosto 11, 2015

Diritto all'oblio

(No comments)

Google ha rigettato la richiesta della Commission nationale de l’informatique et des libertés che esigeva la possibilità per gli utenti francesi di chiedere la rimozione dei link alle notizie “inadeguate o non più pertinenti” che li riguardano dai risultati del motore di ricerca, in tutto il mondo.

Nella lettera di diffida, inviata il mese scorso dal Garante francese, si fa riferimento all’indicizzazione delle informazioni sensibili di utenti europei che ne hanno chiesta e ottenuta la cancellazione dai risultati del motore di ricerca: in questi casi, i link sono stati rimossi dai risultati delle ricerche di Google.fr, ma non da Google.com, o altra versione Google di un altro continente.

Attualmente, la limitazione all’accesso a questo genere di informazioni riguarda le versioni di Google operanti in Europa, in seguito alla sentenza della Corte di Giustizia Europea del 13 maggio 2014 emessa contro Google Spain. La Corte ha disposto che chiunque trovi nei risultati delle ricerche di Google un link di accesso a informazioni sul proprio passato divenute irrilevanti, non pertinenti, o eccessive, possa ottenerne la cancellazione.

Secondo il garante francese, il rispetto della normativa può essere pienamente osservato solo estendendo l’inibizione a tutto il globo, ovvero alla totalità dei domini del motore di ricerca.

Il comunicato di risposta di Google ha sottolineato come l’applicazione della normativa sia stata pienamente rispettata, ma “mentre il diritto all’oblio può essere ora una legge in Europa, non è una legge globale”; perciò si dichiara “rispettosamente in disaccordo con il CNIL, che ritiene di poter avere su questo tema autorità a livello globale e abbiamo chiesto al Garante francese di ritirare il suo avvertimento formale”.

Peter Fleischer, privacy counsel di Google, ha inoltre sottolineato come il provvedimento del CNIL risulti “sproporzionato e inutile, dato che la grande maggioranza degli utenti di Internet francesi – attualmente circa il 97% – usa la versione europea del motore di ricerca Google.fr, anziché Google.com o altre versione di Google”.

La lunga disputa legale originata dalla diffusione di immagini pornografiche  si è conclusa con un accordo tra le due parti contrapposte.

Max Mosley, ex Presidente della Formula 1, e Google hanno concluso con una trattativa privata la battaglia legale che da anni li vedeva impegnati in Regno Unito, Germania e Francia.

Al centro della vicenda la richiesta, da parte di Mosley, di inserire un filtro automatico sui risultati delle ricerche di Google, in modo che gli utenti non potessero più visualizzare le immagini dello scandalo sessuale che lo aveva coinvolto nel 2008.

La compagnia di Mountain View acconsentiva alla rimozione dei link ma si opponeva alla richesta di inserire un filtro permanente in quanto ciò avrebbe rappresentato l’introduzione di ”un allarmante nuovo modello di censura automatica”.

Nel 2013 i tribunali di primo grado di Parigi e di Amburgo avevano accolto la richiesta di Mosley e Google era ricorsa in appello (la notizia era stata trattata QUI). La decisione della Corte di Appello di Amburgo attesa in questi giorni, è stata sospesa in seguito al patteggiamento.

I termini dell’accordo non sono stati resi noti e non è chiaro se Google abbia accettato di censurare automaticamente i contenuti pubblicati in rete. I portavoce di entrambi gli schieramenti hanno comunque espresso soddisfazione per la soluzione concordata, che pone fine ai contenziosi in corso nei tre stati.