Direttore Scientifico: Prof.ssa Avv. Giusella Finocchiaro
Curatrice Editoriale: Dott. Giulia Giapponesi

freewifiRecentemente la Corte di Giustizia europea è stata chiamata a giudicare l’utilizzo di Internet e, in particolare, delle reti wi-fi c.d. libere (cioè non protette da password), impiegate sovente da utenti che, approfittando dell’anonimia assicurata dalla Rete, violano le prerogative del diritto d’autore.

Con sentenza del 15 settembre 2016 relativa alla causa C-484/14, la Corte di Giustizia si è pronunciata a favore dell’assoluzione del gestore di una rete locale senza fili ad uso gratuito e accessibile senza autorizzazione che era stata impiegata da un utente per la diffusione di un’opera musicale on line senza il consenso dei titolari dei relativi diritti.

Riconoscendo il servizio di accesso a Internet come un servizio della società dell’informazione consistente nella mera fornitura di accesso a una rete di comunicazione, i giudici di Lussemburgo hanno ritenuto esente da ogni responsabilità il gestore della rete wi-fi ai sensi della direttiva 2000/31/CE. Quest’ultimo, come del resto i fornitori dei servizi di hosting, non ha infatti l’onere (né la materiale possibilità) di conoscere o controllare le informazioni trasmesse tramite la propria rete.

Tuttavia, operando un necessario equilibrio tra diritti fondamentali (nel caso di specie, libertà di impresa e diritto d’autore), la Corte ha aggiunto che l’autorità giudiziaria nazionale può esigere che un prestatore di servizi ponga fine ad una violazione dei diritti d’autore o che la prevenga, purché le misure tecniche a ciò finalizzate non restringano eccessivamente la libertà d’impresa del prestatore. Secondo la Corte di Giustizia, proteggere la rete wi-fi con una password rappresenta una misura tecnica che “non arreca pregiudizio al contenuto essenziale dei diritti” dei fornitori di servizi di accesso e, allo stesso tempo, è idonea a tutelare il diritto d’autore “nei limiti in cui gli utenti di detta rete siano obbligati a rivelare la loro identità e non possano quindi agire anonimamente”.

posted by admin on settembre 2, 2016

Diritto d'autore e copyright

(No comments)

Venerdì 9 e sabato 10 settembre si terrà a Milano il XXX incontro AIDA “Un bilancio sul diritto d’autore UE. I fondamentali del diritto primario”. Il convegno è organizzato dall’Università di Pavia in collaborazione con la Scuola Superiore della Magistratura e l’Ufficio di Milano della Rappresentanza in Italia.

Sabato 10 settembre 2016 alle ore 9.30 Giusella Finocchiaro interverrà sul tema “L’equilibrio titolare/users”. Gli atti del convegno saranno pubblicati da Giuffrè in Aida 2016. Il Convegno è accreditato dall’Ordine degli avvocati di Milano con 8 crediti dal CNDCEC Consiglio Nazionale dei dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili con 12 crediti evento accreditabile dall’Ordine dei consulenti IP.

L’evento si svolgerà presso l’Aula Magna del Palazzo di Giustizia in Via Freguglia 1.

Per partecipare è necessaria l’iscrizione entro il 7 settembre. Il programma è disponibile QUI.

posted by Giulia Giapponesi on settembre 21, 2015

reputazione online

(No comments)

neve_niveaIl colosso tedesco Beiersdorf, proprietario del brand “Nivea”, ha vinto la causa contro la piccola azienda piemontese Neve Cosmetics, accusata di  violazione di diritti di esclusiva sul nome “Neve”, considerato troppo simile a “Nivea”. Ma la reazione dei consumatori fa riflettere sull’opportunità della querela.

La notizia risale a fine luglio: il Tribunale di Milano ha dichiarato nulli i marchi “Neve” e “Neve Make up” a favore del celebre marchio tedesco e ha stabilito che la parola “Neve” non può essere utilizzata come marchio da nuove compagnie del settore cosmetico in quanto confondibile con “Nivea”.

La Neve Cosmetics è una piccola società (con 10 addetti) dedita alla produzione di cosmetici naturali, esclusivamente commercializzati tramite internet. Come ricordato anche in sede giudiziale, i suoi prodotti, proposti come “cosmetici vegetariani e vegani”, sono privi di “siliconi che occludono i pori, niente petrolati che non fanno respirare la pelle, niente conservanti pesanti, niente derivati dalla macellazione di mammiferi”. In sostanza, si tratta di una linea cosmetica che si pone non solo come concorrente ma come antagonista dei prodotti di bellezza delle grandi distribuzioni.

Secondo il Tribunale, nonostante la differenza nella comunicazione dei prodotti, il nome “Neve” è troppo simile a “Nivea” in quanto deriva etimologicamente dal latino niveus/nivea/nivum ossia “bianco come la neve”. Pertanto il Tribunale ha dichiarato la nullità del marchio Neve e ne ha vietato l’utilizzazione.

La vittoria della multinazionale tedesca ha provocato lo sdegno dei consumatori dei prodotti Neve, che hanno intrapreso una campagna sul web a sostegno della PMI piemontese creando banner di protesta e utilizzando l’hastag #StoConNeve e lo slogan “Se Compro Neve è perché so che non è Nivea!”.

Anche se è lecito ipotizzare che la campagna sia nata dall’intervento di professionisti della comunicazione, è di fatto divenuta virale in pochi giorni. Le centinaia di messaggi di critica apparsi sulle varie pagine social di Nivea hanno attirato l’attenzione dei media tradizionali che riportando la notizia, ne hanno ampliato la portata. Con un interessante effetto valanga, alla protesta dei consumatori di cosmetici Neve si sono uniti anche altri utenti del web colpiti dalla sproporzione economica tra accusatore e accusato, letta come un sopruso del forte sul debole.

I messaggi degli utenti sembrerebbero in parte rivolti anche al Tribunale di Milano perché sostengono l’impossibilità di confondere i due marchi, nonostante l’etimologia comune dei due nomi, e sottolineano la totale differenza tra le due case cosmetiche, le cui filosofie, formulazioni e proposte commerciali sono agli antipodi. Una differenza che, ovviamente, sarebbe tutta a vantaggio di Neve, e della sua offerta naturale, rispettosa e benefica, in opposizione ad una supposta dannosità di Nivea e dei suoi prodotti artificiali e chimici.

Per tutta risposta, i professionisti della comunicazione del marchio Nivea hanno scelto la via del silenzio e portano avanti da giorni una paziente opera di rimozione dei messaggi. Com’era prevedibile, la censura, vissuta come un oltraggio, ha provocato un ulteriore motivo di irritazione per i dimostranti, che sono arrivati persino ad aprire sul sito Change.org una petizione per il ritiro della causa da parte di Nivea.

Esulando da un’analisi giuridica della vicenda, questi risvolti in ambito comunicativo offrono un interessante spunto di riflessione. Nel caso di contenziosi che potrebbero esporre le parti ad una particolare attenzione mediatica si delinea la necessità di prevedere un piano d’azione della comunicazione post-sentenza, che tenga conto di eventuali risvolti negativi anche in caso di vittoria. Giocare d’anticipo potrebbe essere determinante per scongiurare danni alla reputazione aziendale. Tuttavia, un’analisi preventiva accurata dei possibili scenari comunicativi sul web potrebbe portare a riconsiderare l’opportunità della querela stessa.

posted by admin on settembre 10, 2015

Diritto d'autore e copyright

(No comments)

L’attività svolta da un ragazzo irlandese attraverso portali finalizzati alla raccolta dei link utili alla fruizione di materiale protetto da copyright, è stata valutata dalla Corte britannica sanzionabile con 2 anni di reclusione e 2 di arresti domiciliari.

La Federation Against Copyright Theft (FACT) aveva accusato il Paul Mahoney di essere il gestore di FastPassTV e del forum BedroomMedia, siti dedicati alla raccolta e all’organizzazione di link verso piattaforme terze su cui è possibile guardare film protetti da copyright. I due siti sono stati attivi dal 2008 al 2013, e ritenuti responsabili di danni all’industria cinematografica: in quell’arco di tempo hanno registrato oltre 12 milioni di visite di utenti.

Le indagini svolte dalla FACT britannica avevano condotto la polizia irlandese all’individuazione di Mahoney già nel marzo 2011. Una perquisizione si era allora conclusa con il sequestro di materiale informatico e di 83.000 sterline in contanti rinvenute all’interno della sua abitazione. Nonostante ciò il giovane non si era dissuaso dal continuare le attività incriminate fino al 2013, anno della chiusura di entrambi i siti.

Con l’avvio del processo presso la corte britannica di Derry, nel 2015, Mahoney aveva ammesso la propria colpevolezza, riconoscendo di avere accumulato un totale di 300mila sterline attraverso la promozione della diffusione illegale di contenuti protetti dal diritto d’autore. Nonostante la FACT avesse denunciato un danno derivato quantificabile in 12 milioni di sterline, non era stato chiesto alcun risarcimento: la parte lesa aveva auspicato una pena esemplare che potesse fungere da vero deterrente per la pirateria.

La corte britannica si è infine espressa ridimensionando il danno potenziale procurato da Mahoney, ma rimarcando come il giovane irlandese abbia messo assieme “uno schema particolarmente sofisticato” con il quale permettere agli utenti di avere a disposizione un elevato numero di titoli gratuiti, e contemporaneamente guadagnare somme di denaro attraverso advertising. Le azioni condotte non lasciano alternativa “a mostrare che questo genere di comportamenti non possono rimanere impuniti”.

Il direttore della FACT Kieron Sharp, ha espresso la propria soddisfazione, affermando che la sentenza rappresenta un precedente importante per la lotta alla pirateria.

posted by admin on luglio 2, 2015

Diritto d'autore e copyright

(No comments)

L’Alta Corte britannica ha giudicato illegale la legge che dal novembre 2014 esonerava i cittadini inglesi dall’obbligo del pagamento di una quota sul diritto di copia per uso privato.

Il Governo Cameron aveva infatti avviato una revisione delle leggi sul diritto d’autore che prevedeva la possibilità di fare copie di opere protette dal diritto d’autore per uso personale. L’eccezione introdotta muoveva dal principio che il compenso per copia privata delle opere regolarmente acquistate dai cittadini non fosse realmente necessario, in quanto “i compensi per copia privata sono inefficienti, burocratici e sleali e penalizzano le persone che pagano per i contenuti”. Nel Regno Unito si era perciò deciso di non applicare il sistema dell’equo compenso per la copia privata.

Nello stesso mese del 2014, le associazioni Musicians’ Union, British Academy of Songwriters, Composers and Authors (BASCA) e UK Music si erano rivolte alla giustizia per chiedere la revisione della normativa: la contestazione non verteva sull’eccezione introdotta con la revisione delle leggi sul copyright, quanto sulla errata valutazione del danno economico recato ai possessori dei diritti.

Già nel gennaio 2015, i giudici avevano riconosciuto legittimo il diritto di contestare la decisione del governo acconsentendo che l’udienza per la Judicial Review della normativa si fosse tenuta in tempi brevi.

L’Alta Corte londinese si è ora pronunciata, giudicando illegale l’assenza di un sistema pensato per compensare il danno economico derivato dalla produzione delle copie private, causa di una condizione di assenza di tutela del copyright non giustificata.

Nei prossimi mesi l’Alta Corte stabilirà le conseguenze della sentenza sul quadro normativo inglese.

posted by admin on marzo 9, 2015

Diritto d'autore e copyright

(No comments)

youkioske_n-672xXx80Sei anni di carcere ai due ideatori dell’edicola pirata online.

I giudici della Audiencia Nacional di Madrid, hanno condannato David González Hernández e Raúl Antonio Luque, i due gestori di Youkioske, il sito che offriva agli utenti della rete riviste e quotidiani provenienti da tutta Europa scaricabili gratuitamente in formato pdf.

I giudici hanno ritenuto gli imputati colpevoli di violazione del diritto d’autore e di avere promosso e costituito una organizzazione criminale. La pena detentiva è stata inflitta in considerazione della gravità del danno economico procurato agli editori, stimato per 3 milioni e 700mila euro.

Pena aggiuntiva ai 6 anni di carcere, l’interdizione alla professione di gestori web per cinque anni e l’obbligo di indennizzo alle società danneggiate, corrispondente alla cifra del guadagno proveniente dalle inserzioni pubblicitarie ottenuto nei tre anni di attività di youKioske.

Il sito, avviato a scopo di lucro tra il 2009 e il 2012, avrebbe infatti ricavato circa 200mila euro per mezzo di annunci pubblicitari che accompagnavano il catalogo di pubblicazioni provenienti dalle edicole di Spagna, Germania, Regno Unito, Portogallo, Russia, Olanda e Italia.

I contenuti di Youkioske erano ospitati su un server canadese, la società aveva sede legale nel Belize, ma operava da Madrid.

Si tratta della prima condanna inflitta dalla Audiencia Nacional in applicazione della nuova legge recentemente approvata dal Governo spagnolo per la tutela della proprietà intellettuale.

Lucasfilm is demanding that popular photo-sharing site ImageShack cough up the identity of one of its users the studio says uploaded an infringing photograph connected to its upcoming Star Wars movie.
ImageShack has already deleted the picture from user “Darth-Simi” whose account was used to post a picture that was described as a villain from the upcoming Star Wars: The Force Awakens movie. The image included a glimpse of a red crossguard lightsaber like the one showed in a teaser trailer officially released in November. Lucasfilm’s parent company, Disney, is seeking a San Francisco federal court to order California-based ImageShack to turn over Darth-Simi’s personal information.
The studio is making the demand [PDF] to remove the picture “Star Wars Episode VII Costume Design and Photograph” under the Digital Millennium Copyright Act.
The DMCA requires Internet Service Providers like ImageShack to remove images upon a rightsholder’s request or become legally liable for hosting them. The act grants rightsholder’s the right to sue infringers for up to $150,000 per violation. The DMCA also gives a rightsholder the power of subpoena to unmask infringers.
The J.J. Abrams-directed movie is expected to debut in December.
ImageShack, of Los Gatos, Calif., did not immediately respond for comment.

starwarsLa casa di produzione cinematografica Lucasfilm ha chiesto ad ImageShack, una popolare piattaforma web di condivisione foto, di rivelare l’identità di un utente reo di avere pubblicato una fotografia coperta da diritto d’autore.

L’immagine in questione, dal titolo Star Wars Episode VII Costume Design and Photograph, ritrarrebbe il nuovo “cattivo” di Star Wars 7, il nuovo film della nota serie un tempo conosciuta anche come Guerre Stellari.  L’uscita del film è prevista a dicembre 2015, ma a quanto pare i fan sono già alla ricerca di soffiate e indiscrezioni sui nuovi personaggi dell’episodio diretto da J.J. Abrams, già creatore della fortunata serie televisiva Lost.

In ottemperanza alle disposizioni del Digital Millennium Copyright Act, su richiesta dei produttori cinematografici ImageShack ha prontamente rimosso la foto, che aveva ottenuto 6000 visualizzazioni sull’account di un misterioso utente di nome Darth-Simi.

Com’è noto, il DCMA dispone che gli fornitori di servizi agli utenti, come ImageShack, siano tenuti a rimuovere i contenuti degli utenti segnalati da detentori di diritti d’autore come in violazione. Se la rimozione non avviene entro un periodo di tempo, gli intermediari diventano legalmente responsabili della pubblicazione.

La rimozione non è stata tuttavia ritenuta sufficiente per chiudere l’incidente e, nel tentativo di trovare un responsabile a cui chiedere un risarcimento economico, la Disney, società proprietaria della Lucasfilm, ha deciso di identificare il colpevole dell’infrazione. Ha quindi richiesto ad una Corte federale di San Francisco di ordinare alla società ImageShack, con sede a los Gatos, California, di rendere note le informazioni personali dell’utente Darth-Simi.

Anche questa richiesta è prevista dal “subpoena process” del DCMA, è quindi probabile che la Disney verrà a conoscenza di informazioni sull’utente, che le serviranno per valutare se procedere o no ad una richiesta di risarcimento, la cui richiesta potrà ammontare fino a 150.000 dollari.

Si prevede che Star Wars: The Force Awakens frutterà diversi miliardi alla Disney fra merchandising e box office.

Yahoo Y logoLa Corte di Appello di Milano ha accolto il ricorso di Yahoo! contro la sentenza di violazione del diritto d’autore, emessa a favore del Gruppo Mediaset nel 2011.

La succursale italiana di Yahoo! era stata condannata a causa di alcuni video caricati dagli utenti sulla piattaforma “Yahoo! Video”, oggi non più in attività. I video incriminati erano tratti da trasmissioni televisive di RTI (Gruppo Mediaset) quali Amici, Il Grande Fratello, Striscia La Notizia, ecc.

Secondo il giudice di primo grado, nonostante i video fossero stati diffusi dagli utenti, la violazione era da ritenersi in capo a Yahoo! in quanto l’attività della piattaforma non poteva essere ricondotta alla limitazione di responsabilità prevista dall’art.14 della Direttiva Europea sul Commercio Elettronico (2000/31/CE) attuata dal d.lgs 70/2003.

Il mancato riconoscimento della neutralità dell’intermediario era motivato da un presunto controllo sui video da parte di Yahoo! che avrebbe reso la piattaforma un hosting provider “attivo”, a differenza dei provider “passivi” tutelati dalla Direttiva. In sostanza, la Corte aveva riconosciuto un’attività di tipo editoriale da parte della piattaforma, in virtù della funzione di indicizzazione automatica e, paradossalmente, della possibilità di rimozione di contenuti segnalati come illeciti.

Ciò premesso, il giudice aveva individuato la colpevolezza di Yahoo! anche nella mancata rimozione di tutti i video in seguito alla diffida ricevuta da RTI. Una motivazione a cui Yahoo! aveva risposto invano nel corso del giudizio, sostenendo di avere rimosso subito i 9 video indicati e di aver chiesto a RTI di specificare ulteriori URL di video da rimuovere e di non aver mai ricevuto la lista completa.

La Corte di Appello, nella sentenza che ribalta la decisione di primo grado ha sottolineato come Yahoo! avesse puntualmente provveduto a rimuovere anche ulteriori 218 video, nel momento in cui i relativi URL sono stati indicati da RTI, in fase di giudizio.

Per quanto riguarda la responsabilità della piattaforma, citando alcune decisioni della Corte di Giustizia dell’Unione Europea quali quelle relative al caso SABAM-Scarlet, quelle relative al caso SABAM-Netlog e quelle relative al caso Telekebel, il giudice d’appello ha rigettato le interpretazioni in cui si era prodotto il Tribunale di Milano nel 2011. Non ci sono i presupposti per considerare la piattaforma come appartenente ad una diversa tipologia di hosting provider non tutelata dalla Direttiva 2000/31/CE. Yahoo! è pertanto un semplice intermediario e come tale non era tenuto ad individuare autonomamente contenuti in violazione dei diritti di d’autore di RTI, né avrebbe dovuto approntare un sistema di filtri che prevenisse le successive violazioni.

RTI è stata dunque condannata a risarcire Yahoo! delle spese processuali di primo e secondo grado, per un ammontare totale di 244.000 euro.

Il testo della sentenza è stato pubblicato QUI.

posted by admin on ottobre 27, 2014

Diritto d'autore e copyright

(No comments)

YouTubeLa pubblicazione su un sito di un video di YouTube non costituisce reato di violazione del copyright.

A stabilirlo è la Corte di Giustizia Europea, che recentemente si è espressa sulla liceità della pratica dell’embedding, ovvero la pubblicazione di video di YouTube sulle pagine dei propri siti web attraverso l’inserimento di un apposito codice.

Occasione per il chiarimento è stata la causa intentata in Germania dalla BestWater, azienda che produce filtri per l’acqua, contro due agenti di vendita di una compagnia concorrente, accusati di avere incorporato nel loro sito, senza autorizzazione, un video che BestWater aveva pubblicato sul suo account di YouTube.

Secondo quanto stabilito dai giudici, la diffusione di un video già pubblicato in rete attraverso il mero inserimento di un codice è da ritenersi affine all’attività di condivisione di un link. Infatti, l’embedding non costituisce una nuova o diversa comunicazione al pubblico ma è di fatto solo un collegamento dal momento che il video non viene alterato e non viene proposto a un nuovo tipo di audience.

La decisione della corte segue la linea interpretativa contenuta nella sentenza del caso Svensson, nella quale si è sancito che la condivisione di un link ad un contenuto già raggiungibile non corrisponde a una nuova “messa a disposizione di un’opera al pubblico in maniera tale che quest’ultimo possa avervi accesso”.

Il testo della sentenza non è stato diffuso ufficialmente. La notizia è stata pubblicata il 25 ottobre 2014 dal magazine Torrentfreak, che ha ricevuto il documento direttamente dai legali della difesa.

La decisione della Corte di Giustizia si pone in controtendenza rispetto all’orientamento giudiziario più diffuso tra i paesi comunitari, che vede nell’inserimento dei video una pratica equivalente ad una pubblicazione non autorizzata.

Il testo, in lingua tedesca, è disponibile QUI.

posted by admin on settembre 8, 2014

Diritto d'autore e copyright

(No comments)

493197245Scontro sulla nuova funzionalità di Bing che permette ai gestori di siti di incorporare qualsiasi immagine del web attraverso un widget collegato al motore di ricerca.

A poche settimane dal lancio del “widget immagini” del motore di ricerca Bing, Getty Images ha depositato una una denuncia contro Microsoft per violazione di proprietà intellettuale.

Il nuovo Image Widget permette ai gestori di inserire sui propri siti un pannello che visualizza immagini singole o intere fotogallery attinte dalla rete senza limitazioni attraverso una selezione del motore di ricerca.

Secondo Getty Images, dal momento che la maggioranza delle foto pubblicate sul web è coperta da copyright il widget faciliterebbe una massiva violazione del diritto d’autore. Ovviamente, la preoccupazione principale dell’agenzia fotografica va alle 80 milioni di foto del suo catalogo, quotidianamente vendute a siti web e prodotti editoriali di tutto il mondo.

Nella denuncia, Getty Images ha chiarito che l’accusa non si rivolge alle funzionalità di ricerca immagini di Bing, ma solamente alla diffusione del widget, pubblicizzato da Microsoft come uno strumento progettato per rendere i siti web visivamente più attraenti e, di conseguenza, di più alto valore economico.

Ma, secondo Getty Images, lo sfruttamento economico delle immagini non si esaurirebbe in questo passaggio. Infatti, quando gli utenti “cliccano” sul widget vengono reindirizzati alla pagina della ricerca immagini di Bing permettendo alla Microsoft di raccogliere informazioni sugli utenti. Inoltre, aumentando il traffico sul motore di ricerca, il widget rende più redditizia la pubblicità su Bing.

In sostanza, l’agenzia di foto accusa Microsoft di lucrare indirettamente sulle immagini pubblicate dagli utenti del widget in violazione dal diritto d’autore.

Tuttavia, potrebbe esserci un’altra motivazione dietro al tentativo di bloccare la diffusione dell’applicativo di Microsoft. Nel marzo 2014 Getty Images ha lanciato un proprio widget di inserimento foto, dal funzionamento molto simile a quello di Bing, che permette ai siti non commerciali e agli utenti dei social network di inserire liberamente foto coperte dal diritto d’autore tratte dal catalogo dell’agenzia. “Però a differenza di Microsoft”, ha specificato un portavoce al The Seattle Times,”noi abbiamo licenze e accordi contrattuali  che ci permettono di distribuire legalmente le immagini”.

Getty Images ha richiesto al giudice della Corte Distrettuale Sud di New York un’ingiunzione preliminare ed una permanente contro la diffusione dell’Image Widget, almeno fino a quando Microsoft non potrà provare che la funzionalità non viola il diritto d’autore degli scatti fotografici. L’agenzia chiede inoltre un risarcimento per danni economici, che saranno valutati nel corso del giudizio.

Microsoft, in un comunicato, ha fatto sapere di ritenere molto importante la legge sul diritto d’autore e di voler prendere in seria considerazione la richiesta di Getty Images.

Attualmente, sulla pagina di download di Bing dedicata al widget, non è più possibile scaricare l’applicativo.