Diritto & Internet

La protezione transnazionale dei dati personali dai "safe harbour principles" al "privacy shield"

Svolume-schremsCon una decine di recenti sentenze la Corte di Giustizia Europea ha affermato la rilevanza strategica che la protezione dei dati personali ha assunto nell’Unione Europea. Emerge chiaramente la volontà, apparentemente ovvia, di applicare i principi del diritto europeo al trattamento dei dati personali degli europei. Tuttavia, il tema che si affronta è più ampio e riguarda la difficoltà di giurisdizione su Internet, un non-luogo dove non esistono norme condivise, non essendo individuabile un soggetto politico legittimato a emanare le regole a livello globale.

La decisione nel caso Schrems segna un ulteriore passo verso l’affermazione di un modello europeo contrapposto a quello statunitense e la primazia del controllo giudiziario sugli accordi UE/USA. Per offrire una ampia analisi dell’attuale contesto giuridico, è stato pubblicato il volume “La protezione transnazionale dei dati personali dai “safe harbour principles” al “privacy shield””, curato da Giorgio Resta e Vincenzo Zeno-Zencovich.

Il volume si pone in continuità rispetto a quello sulla precedente sentenza nel caso Google Spain: dodici studiosi analizzano la nuova decisione sotto molteplici aspetti giuridici, prospettando interpretazioni e prospettive anche alla luce del “Privacy Shield” che dovrebbe governare la circolazione trans-atlantica dei dati.

Nel capitolo “La giurisprudenza della Corte di Giustizia in materia di dati personali da Google Spain a Schrems” Giusella Finocchiaro approfondisce le tematiche alla base delle sentenze della Corte di Giustizia.

Il volume è pubblicato sotto licenza “creative commons” ed è dunque liberamente consultabile e disponibile per il download gratuito a questa pagina.

Aggiungi commento

Direttore Scientifico
Prof. Avv. Giusella Finocchiaro
Curatrice Editoriale
Dott. Giulia Giapponesi