Diritto & Internet

Il governo scozzese riduce la raccolta di dati sui cittadini

Raccogliere meno dati personali dei cittadini e farne un impiego più circoscritto. Sono queste le linee di azione lungo le quali intende muoversi il governo scozzese in materia di raccolta, impiego e conservazione dei dati personali dei cittadini.
In realtà, spiega The Register, la consultazione pubblica sul tema è appena iniziata. Ma l’esecutivo scozzese gode dell’appoggio dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali britannica (Information Communication Officer, ICO) e di larga parte dell’opinione pubblica.
Il piano prevede l’introduzione di una serie di linee guida in materia di Identity Management e Privacy, cui dovranno attenersi non solo le pubbliche amministrazioni, ma anche tutte le organizzazioni private e le fondazioni che erogano servizi di pubblica utilità.

Aggiungi commento

Direttore Scientifico
Prof. Avv. Giusella Finocchiaro
Curatrice Editoriale
Dott. Giulia Giapponesi