Diritto & Internet

Ancora sull'identità digitale

Il recente d.l. 14 agosto 2013, n. 93 recante disposizioni urgenti in materia di sicurezza e per il contrasto della violenza di genere (c.d. decreto sul femminicidio) di cui abbiamo già trattato reca sempre all’art. 9, comma 2 una disposizione sull’identità digitale.

Al reato di frode informatica, già previsto nel nostro codice penale all’art. 640 ter, si aggiunge un’aggravante, per il caso in cui “il fatto è commesso con sostituzione dell’identità digitale in danno di uno o più soggetti”. La pena prevista è quella da due a sei anni di reclusione e da 600 euro a 3000 euro di multa.

Ancora, viene estesa la responsabilità amministrativa da reato di società e associazioni al reato di frode informatica: la società è responsabile del reato di frode informatica aggravato da sostituzione dell’identità digitale commesso a suo vantaggio o nel suo interesse da amministratori, dipendenti o collaboratori.

Lo scopo della norma è quello, anche secondo la relazione della Corte di Cassazione, di punire le frodi realizzate mediante furto d’identità soprattutto nel credito al consumo.

Giusella Finocchiaro

Aggiungi commento

Direttore Scientifico
Prof. Avv. Giusella Finocchiaro
Curatrice Editoriale
Dott. Giulia Giapponesi