Diritto & Internet

Dati su molestie online, il fenomeno è diffuso

ricerca online aggressivitàSecondo l’ultimo rapporto del Pew Research Center, i fenomeni di molestie online coinvolgono una fetta significativa della popolazione cibernauta.

Lo studio, condotto su un campione volontario di 2.849 web users, nel periodo compreso tra maggio e giugno 2013, rivela che il 73% degli intervistati ha assistito a forme di prevaricazione online, e che il 40% ne è stato personalmente coinvolto. Coloro che ne sono stati loro malgrado protagonisti, hanno dichiarato di avere subito ingiurie nel 27% dei casi, di essere stati deliberatamente messi in imbarazzo nel 22%, minacciati fisicamente nell’8%, di avere subito fenomeni di stalking 8%, molestie per un prolungato periodo di tempo 7%, e di essere stati molestati sessualmente nel 6%.

I dati presi in considerazione sono stati suddivisi in due sotto-categorie, che separano fenomeni online in qualche modo episodici, da quelli più problematici, che si sono protratti nel tempo, e che riguardano il 22% del totale delle testimonianze.

Le statistiche rivelano che il picco di molestie (65%) si concentra nella popolazione di età compresa tra i 18 e i 29 anni, per aumentare fino al 73% in considerazione della sola popolazione femminile. Stando ai dati raccolti, il profilo del molestatore è quello di una persona della quale non si conosce la reale identità, che agisce più frequentemente sui social network, o nella sezione dei commenti dei siti web.

Le vittime tendono a ignorare l’importunatore, decidendo di non rispondere in alcun modo (nel 47% dei casi), e bloccando, quando possibile, i contatti con il profilo ostile (43%). Sebbene il tentativo sia quello di rimuoverne il ricordo il più velocemente possibile, appare evidente che questo tipo di esperienze lascino segni tutt’altro che trascurabili: se 51% del campione ha rivelato di essere stato turbato in modo più o meno significativo per quanto accaduto, ben il 14% si è detto sconvolto.

In un recente evento pubblico, Tim Berners-Lee, fondatore del World Wide Web, ha speso alcune parole intorno al fenomeno del “trollaggio” (etichetta che sta a indicare ogni genere di aggressione verbale online), soffermandosi sul rapporto esistente tra violenza e rete: “Avevo sperato in un web in grado di dare alla gente strumenti per rompere le barriere nazionali e per favorire un progresso della conoscenza, ma è assai sorprendente per me che persone cresciute in modo normale da un momento all’altro diventino molto polarizzate nelle loro opinioni, diventando portatrici di odio invece che di amore”.

Aggiungi commento

Direttore Scientifico
Prof. Avv. Giusella Finocchiaro
Curatrice Editoriale
Dott. Giulia Giapponesi