Diritto & Internet

Furto di identità, phishing e clonazione di carte di credito: il fenomeno è diffuso

phishingSecondo una recente ricerca online sul furto d’identità, la maggioranza degli italiani non è consapevole dei rischi che comporta la diffusione incontrollata dei propri dati personali online. Eppure ogni anno decine di migliaia di persone sono vittima della sottrazione dei dati personali o dei dati delle carte di credito, che vengono poi utilizzati per effettuare acquisti, chiedere finanziamenti o aprire conti correnti.

La ricerca, condotta online da Smart Research e commissionata da Crif, ha rivelato la propensione degli utenti a sottovalutare i pericoli a cui si sottopone chi lascia tracce di sé sul web.

Dai dati emersi intervistando un campione significativo della popolazione compresa tra i 18 e i 64 anni, selezionato per genere e area geografica, il 58% degl intervistati si dichiara poco o per niente attento alla diffusione dei propri dati online, e il 28% non si pone neppure il problema, rinunciando a qualsiasi tipo di tutela.

Risultato che pare ancora più eclatante se confrontato al fatto che 4 intervistati su 5 confermano di ricevere almeno una volta al mese e-mail di phishing: messaggi che, copiando la grafica e lo stile comunicativo di banche ed enti, tentano di carpire dati personali. Una tecnica che può risultare vincente, come dimostra il fatto che il 7,7% dei rispondenti ha dichiarato di aver risposto almeno una volta ad un messaggio fraudolento.

Anche la clonazione delle carte di pagamento è un fenomeno diffuso: il 13,1% degli intervistati ha dichiarato di esserne stato vittima. Circa le modalità con le quali sono stati rubati i dati della carta, il 39,7% delle vittime ha dichiarato che i dati sono stati clonati durante un acquisto su internet, il 20,4% ha dichiarato che la clonazione è avvenuta durante una transazione su un POS, mentre il 33% delle vittime ha ammesso di non sapere come sia avvenuto il fatto.

Due italiani su tre dichiarano di essere a conoscenza del fenomeno dei furti di identità per richiedere finanziamenti sotto falso nome, e ne individuano la modalità nella sottrazione di documenti o di strumenti di pagamento nel mondo reale, nelle transazioni online e nell’accesso non autorizzato alle caselle di posta elettronica. Il 33% degli intervistati individua come un fattore di rischio anche la pubblicazione dei dati personali su social network.

I comportamenti più comuni assunti per la tutela di questi furti si attuano evitando di accedere a siti sospetti (59% dei casi), attivando l’uso di antivirus gratuiti (49%) e a pagamento (36%). Il 5,8% degli intervistati, invece dichiara di non fare nulla in proposito.

Chi ha dichiarato di essere stato vittima di furto d’identità volto a richiedere finanziamenti, nel 57,1% dei casi ha successivamente assunto comportamenti di prevenzione attivi, tra cui una maggiore cautela nella diffusione delle informazioni personali sul web (21%), l’attivazione di sistemi di allerta via sms per finanziamenti richiesti a proprio nome (12,5%), e una maggiore attenzione al momento di lasciare in custodia i propri documenti o fornire dati personali a terzi.

Dati evidentemente preoccupanti, che se attestano una crescente consapevolezza dei rischi legati al furto di identità evidenziano la propensione a sottovalutarne il rischio. Una leggerezza che, stando ai dati forniti, coinvolge maggiormente i giovani, e chi si concentra sull’utilizzo ludico del web.

Per un approfondimento si rimanda alla pagina della ricerca.

Aggiungi commento

Direttore Scientifico
Prof. Avv. Giusella Finocchiaro
Curatrice Editoriale
Dott. Giulia Giapponesi