Diritto & Internet

Il Tribunale di Milano ordina a Fastweb il blocco di Rojadirecta

Rojadirecta-calcio-streamingI giudici milanesi hanno imposto al fornitore di connessione l’inibizione all’accesso al sito di streaming illegale di eventi sportivi.

La decisione del Tribunale di Milano, giunge a seguito di un esposto inoltrato nel 2013 da Mediaset e Lega Calcio, che si era concluso con un ordine di sequestro del portale Rojadirecta. L’ordine obbligava gli Internet Service Provider italiani a rendere il sito irraggiungibile dai loro utenti, tramite inibizione dei DNS. L’attuale provvedimento si rivolge quindi solo a Fastweb, unico ISP a non aver dato seguito all’ingiunzione.

I giudici hanno ribadito l’ordine di sequestro fissando una penale di 30mila euro per ogni giorno di ritardo nell’attuazione del provvedimento. La decisione è stata recepita da Fastweb, che ha reso immediatamente irraggiungibile il sito it.rojadirecta.eu.

In una nota ufficiale, Mediaset ha sottolineato come “la decisione del Tribunale di Milano riveste una particolare rilevanza giurisprudenziale in tema di lotta alla pirateria”. Per l’azienda milanese la battaglia allo streaming illegale degli eventi sportivi sarebbe giunta a una importante svolta, grazie a un provvedimento preso nei confronti di “uno dei principali siti che viola sistematicamente il copyright delle gare di Serie A e Champions League”: la magistratura milanese ha infatti “vincolato l’azienda di tlc all’immediata rimozione di tutti i siti con nome “rojadirecta”, indipendentemente dal paese in cui sono registrati”.

La decisione  si trova in linea con i provvedimenti intrapresi nelle settimane scorse dall’Agcom, che sempre su segnalazione di Mediaset, aveva disposto la chiusura di alcuni siti specializzati nello streaming di “pirateria sportiva”.

Aggiungi commento

Direttore Scientifico
Prof. Avv. Giusella Finocchiaro
Curatrice Editoriale
Dott. Giulia Giapponesi