Diritto & Internet

Giappone: il download illegale è reato

Dal Giappone giunge notizia dell’approvazione di una nuova legge che annovera il download illegale di materiale coperto da copyright tra gli illeciti penali.

Il parlamento giapponese ha recentemente approvato un emendamento alla legge sul copyright che prevede una pena fino a due anni di prigione e una sanzione fino a 2 milioni di Yen (circa 20.000 euro) per coloro che effettuano dowload illegali o che copiano DVD e Blue-Ray disc coperti da diritto d’autore.

Fino ad oggi la legge giapponese considerava la fruizione di materiale piratato come una violazione del codice civile, ma puniva severamente chi contribuiva attivamente alla pirateria: l’upload non autorizzato di contenuti protetti da diritto d’autore era infatti punito con la reclusione fino a 10 anni e una sanzione economica per un massimo di 10 milioni di Yen (circa 100.000 euro). La nuova legge entrerà in vigore del primo ottobre 2012.

I rappresentanti dell’industria locale dell’intrattenimento hanno applaudito il nuovo provvedimento. Al contrario, la nuova normativa non ha soddisfatto l’Ordine degli avvocati giapponesi secondo il quale si sarebbe dovuta dare maggiore rilevanza alla precdente legge del codice civile che puniva il download illegale.

Giulia Giapponesi

Aggiungi commento

Direttore Scientifico
Prof. Avv. Giusella Finocchiaro
Curatrice Editoriale
Dott. Giulia Giapponesi