Diritto & Internet

Cittadinanza digitale, approvata la nuova agenda

agid-homeVarato il piano Governo per la digitalizzazione e la semplificazione dei rapporti tra cittadino e Pubblica amministrazione.

Approvata dal Consiglio dei Ministri del 1 dicembre 2014 la nuova agenda per la semplificazione 2015-2017, con una serie di azioni mirate a sfruttare le opportunità offerte dalle nuove tecnologie. Sul versante della rete, l’obiettivo evidenziato dal documento pubblicato nel sito della Presidenza del Consiglio dei Ministri è quello di “assicurare l’erogazione online di un numero crescente di servizi e l’accesso alle comunicazioni di interesse dei singoli cittadini (e imprese) direttamente via internet, con tablet o smartphone”.

Secondo il piano del Governo, gli strumenti tecnologici saranno mirati alla realizzazione di quattro punti fondamentali: la realizzazione di un Pin unico da usare per tutti i servizi dell’amministrazione digitale per 3 milioni di utenti dotati di un’identità digitale entro settembre 2015, che diventeranno 10 milioni entro dicembre 2017; l’attivazione dei pagamenti telematici da parte di tutte le Pubbliche Amministrazioni Centrali e Locali entro il 2016; la disponibilità effettuare il pagamento della marca da bollo online entro dicembre 2016; la messa in opera di una serie di servizi di informazione per il cittadino su “Come fare per” presentare domande, dichiarazioni, comunicazioni, accedere a servizi, attraverso link attivati sulla pagina di accesso dei siti istituzionali di tutte le amministrazioni entro dicembre 2015.

Entro il 2016 le innovazioni saranno integrate con la possibilità di effettuare le prenotazioni in rete delle prestazioni sanitarie delle Regioni, e l’accesso ai referti online e in farmacia.

Entro il 2015 dovrà già essere possibile il pagamento del bollo online, mentre, sul piano fiscale, saranno disponibili le dichiarazioni dei redditi precompilate per dipendenti e pensionati, oltre alla registrazione automatica degli scontrini delle farmacie sulla dichiarazione dei redditi.

Per il dettaglio delle novità si rimanda al sito del Ministero della Semplificazione e della Pubblica Amministrazione.

1 commento

Direttore Scientifico
Prof. Avv. Giusella Finocchiaro
Curatrice Editoriale
Dott. Giulia Giapponesi