Diritto & Internet

Diritto all’oblio: Google non rispetterà le richieste del garante francese

Google ha rigettato la richiesta della Commission nationale de l’informatique et des libertés che esigeva la possibilità per gli utenti francesi di chiedere la rimozione dei link alle notizie “inadeguate o non più pertinenti” che li riguardano dai risultati del motore di ricerca, in tutto il mondo.

Nella lettera di diffida, inviata il mese scorso dal Garante francese, si fa riferimento all’indicizzazione delle informazioni sensibili di utenti europei che ne hanno chiesta e ottenuta la cancellazione dai risultati del motore di ricerca: in questi casi, i link sono stati rimossi dai risultati delle ricerche di Google.fr, ma non da Google.com, o altra versione Google di un altro continente.

Attualmente, la limitazione all’accesso a questo genere di informazioni riguarda le versioni di Google operanti in Europa, in seguito alla sentenza della Corte di Giustizia Europea del 13 maggio 2014 emessa contro Google Spain. La Corte ha disposto che chiunque trovi nei risultati delle ricerche di Google un link di accesso a informazioni sul proprio passato divenute irrilevanti, non pertinenti, o eccessive, possa ottenerne la cancellazione.

Secondo il garante francese, il rispetto della normativa può essere pienamente osservato solo estendendo l’inibizione a tutto il globo, ovvero alla totalità dei domini del motore di ricerca.

Il comunicato di risposta di Google ha sottolineato come l’applicazione della normativa sia stata pienamente rispettata, ma “mentre il diritto all’oblio può essere ora una legge in Europa, non è una legge globale”; perciò si dichiara “rispettosamente in disaccordo con il CNIL, che ritiene di poter avere su questo tema autorità a livello globale e abbiamo chiesto al Garante francese di ritirare il suo avvertimento formale”.

Peter Fleischer, privacy counsel di Google, ha inoltre sottolineato come il provvedimento del CNIL risulti “sproporzionato e inutile, dato che la grande maggioranza degli utenti di Internet francesi – attualmente circa il 97% – usa la versione europea del motore di ricerca Google.fr, anziché Google.com o altre versione di Google”.

Aggiungi commento

Direttore Scientifico
Prof. Avv. Giusella Finocchiaro
Curatrice Editoriale
Dott. Giulia Giapponesi