Diritto & Internet

Tribunale di Torre Annunziata: risarcimento al marito diffamato su Facebook

facebookNei casi di separazione un utilizzo non accorto dei social network può avere conseguenze legali: una donna è stata condannata a risarcire all’ex marito  5000 euro per aver diffuso su Facebook la notizia di una sua nuova relazione prima dell’effettiva separazione legale.

Secondo il Tribunale di Torre Annunziata sebbene la violazione della fedeltà coniugale sia determinante nell’attribuzione delle responsabilità nei casi di separazione non sufficiente di per sè a integrare una responsabilità risarcitoria del coniuge che l’abbia compiuta. Tuttavia è possibile individuare un profilo di danno non patrimoniale nei casi dove l’infedeltà “per le sue modalità abbia trasmodato in comportamenti che, oltrepassando i limiti dell’offesa di per sé insita nella violazione dell’obbligo in questione, si siano concretizzati in atti specificamente lesivi della dignità della persona, costituente bene costituzionalmente protetto”.

Nel caso specifico, la donna condannata aveva affermato a terzi di essere divorziata e sul proprio profilo Facebook si attribuiva lo stato di “separata” prima dell’instaurazione del procedimento de quo e, con terzi, nel riferirsi al marito, lo chiamava “il verme” e affermava che aveva tendenze omosessuali, da questi negate. Secondo il giudice, non è in dubbio che il comportamento descritto abbia gravemente offeso la dignità e la reputazione dell’ex coniuge in quanto “la connotazione pubblica della relazione adulterina, la dichiarazione pubblica della esistenza di un rapporto di fidanzamento tra la ricorrente ed altro uomo e la gravità delle offese rivoltegli, sono sufficienti per ritenere lesa la dignità e la reputazione”.

La sentenza è disponibile a QUESTO LINK.

Aggiungi commento

Direttore Scientifico
Prof. Avv. Giusella Finocchiaro
Curatrice Editoriale
Dott. Giulia Giapponesi