Diritto & Internet

Garante: no ai nomi dei minorenni sui blog online

Il Garante per la protezione dei dati personali ha ordinato all’autore di un blog di rendere non identificabili i minorenni coinvolti nelle vicende pubblicate.

Al pari dei giornalisti, anche i blogger sono tenuti a rispettare la normativa sulla privacy e il codice deontologico dei giornalisti, in particolare per quanto riguarda i diritti dei minori. La normativa sulla privacy riconosce infatti specifiche garanzie e cautele ai trattamenti di dati effettuati per finalità giornalistiche o equiparate, tra cui rientra anche la gestione di un blog.

È quanto ha affermato il Garante privacy in un provvedimento che accoglie il ricorso di una donna che lamentava la diffusione online, sul blog dell’ex coniuge , di nomi, cognomi, date e situazioni strettamente personali riferite a lei e alle figlie minorenni.

L’Authority ha ordinato al blogger di rendere anonimi i dati identificativi delle persone citate, incluse le iniziali dei nomi di battesimo sottolineando che le informazioni e dati personali possono essere riportati anche senza consenso degli interessati, purché si rispettino i diritti e le libertà fondamentali delle persone e le regole del codice deontologico dei giornalisti.

Com’è noto, il Codice tutela i minori prescrivendo di omettere la pubblicazione delle generalità o altri dettagli che li rendano identificabili.

Nel caso specifico tale accorgimento garantirà alle minori la necessaria tutela della loro identità, considerate le ripercussioni psicologiche e relazionali che possono derivare dalla diffusione online della loro vicenda familiare, e nello steso tempo permetterà al blogger di poter esprimere, in modo giuridicamente corretto, le opinioni personali sulla propria esperienza di vita.

Aggiungi commento

Direttore Scientifico
Prof. Avv. Giusella Finocchiaro
Curatrice Editoriale
Dott. Giulia Giapponesi