Diritto & Internet

Nuovo caso di querela per un commento su un blog anche se rimosso dopo la segnalazione

Si registra un nuovo caso di querela per diffamazione nei confronti di un sito nonostante il gestore avesse provveduto a rimuovere il contenuto ritenuto diffamatorio in seguito alla prima segnalazione.

Dopo il recente episodio relativo alla querela del senatore Scilipoti, che abbiamo riportato nei giorni scorsi, la stampa ha dato notizia di un analogo caso che coinvolge un politico ed un forum online: l’ex deputato di Forza Italia Maurizio Paniz ha denunciato per diffamazione a mezzo stampa il blogger Matteo Gracis, gestore del sito nuovocadore.it.

A motivare l’azione dell’ex deputato, un commento di un utente anonimo intervenuto sul forum del portale il 4 maggio del 2011 con alcune frasi ritenute dal politico offensive e diffamatorie. Il commento, rimasto visibile fino al 27 maggio, era stato rimosso 11 giorni dopo la segnalazione fatta pervenire via mail dallo stesso Paniz. Nonostante l’avvenuta cancellazione, vista l’impossibilità di individuare l’autore del commento, il deputato ha deciso di sporgere querela nei confronti del gestore del sito.

Il processo si è aperto in questi giorni, e pone ancora una volta la questione della responsabilità del provider di servizi, nella fattispecie il gestore del forum.

Secondo la difesa, la responsabilità editoriale non può cadere in capo al gestore del sito. Infatti, Nuovocadore.it non è da considerarsi una testata giornalistica, come un avviso del blog precisa, in quanto non è aggiornato periodicamente e, come specificato nel disclaimer, “ciascun commento inserito nei post e nel forum viene lasciato dall’autore dello stesso accettandone ogni eventuale responsabilità civile e penale”.

Secondo l’accusa, tuttavia, nell’impossibilità di individuare il diretto colpevole, sarebbe da attribuire a Gracis la responsabilità della pubblicazione della frase ingiuriosa, nonostante non esista evidenza di un legame tra il blogger e il nickname dell’anonimo autore delle parole lesive, nel contesto di un forum che non prevede l’approvazione preventiva dei post da parte dell’amministratore.

A meno di un mese di distanza dal caso di Scilipoti e stopcensura.com, si ripropone quindi un episodio di denuncia per diffamazione contro un fornitore di servizi che provvede prontamente a rimuovere il contenuto considerato diffamante.

A quanto si apprende, lo stesso Paniz era già stato protagonista di una simile vicenda giudiziaria. Il politico aveva infatti già avviato un’azione legale per un caso analogo nel 2012, ottenendo la condanna per diffamazione dell’amministratore del sito Vajont.info, Tiziano Del Farra.

Aggiungi commento

Direttore Scientifico
Prof. Avv. Giusella Finocchiaro
Curatrice Editoriale
Dott. Giulia Giapponesi