Diritto & Internet

Autorità Garante: il diritto all’oblio deve essere bilanciato al diritto di cronaca

Gli utenti non possono appellarsi al diritto all’oblio per fatti recenti e di rilevante interesse pubblico, ma hanno diritto alla rettifica dei testi di integrazione generati automaticamente dal motore di ricerca quando contengono informazioni fuorvianti.

Il Garante si è così pronunciato, respingendo il ricorso di un utente che non aveva ottenuto da Google la deindicizzazione di una notizia su una inchiesta giudiziaria che lo vedeva coinvolto. Secondo l’utente, l’articolo conteneva informazioni “estremamente fuorvianti e altamente pregiudizievoli”, che perciò non meritavano di essere associate alla sua persona nei risultati di ricerca di Google.

L’Autorità ha respinto la richiesta: la notizia contestata è infatti molto recente, riguarda una importante indagine giudiziaria e riporta i dati nel rispetto del principio di essenzialità dell’informazione.

In proposito, l’Autorità ha ricordato che la persona che si ritiene vittima di informazioni fuorvianti sul suo conto può rivolgersi all’editore per chiedere la rettificazione e l’integrazione dei dati contenuti nell’articolo.

Per quanto invece riguarda il testo di sintesi generato automaticamente da Google per integrare i risultati di ricerca, i così detti “snippet”, il Garante ha riconosciuto legittime le eventuali richieste di eliminazione dei testi non in linea con la narrazione dei fatti riportati nelle pagine dei link a cui rimandano. Sebbene si escluda “la possibilità di intervento editoriale da parte di Google”, gli snippet riportanti dati incompleti, “costituiscono a tutti gli effetti trattamenti di dati personali e come tali non possono non essere pertinenti, corretti e non fuorvianti”.

Nel caso preso in esame dal Garante, il ricorrente aveva ottenuto da Mountain View la modifica dello snippet che lo associava a reati più gravi rispetto a quelli per i quali era indagato. Google aveva infatti accolto la richiesta e provveduto autonomamente alla cancellazione del riassunto fuorviante generato dal suo algoritmo.

Aggiungi commento

Direttore Scientifico
Prof. Avv. Giusella Finocchiaro
Curatrice Editoriale
Dott. Giulia Giapponesi