Diritto & Internet

USA: condannato per estorsione l'ideatore di un sito di "revenge porn"

revengepornCondannato per furto di identità ed estorsione l’ideatore di un sito che permetteva ai suoi utenti la pubblicazione di foto imbarazzanti degli ex partner.

Le immagini degli ignari cittadini venivano rese pubbliche, accompagnate da informazioni che ne permettevano agevolmente l’identificazione, al fine di umiliare pubblicamente le vittime e distruggerne la vita sociale. Questo lo scopo del cosiddetto “revenge porn” termine che definisce i contenuti sessualmente espliciti che vengono resi pubblici online senza il permesso delle persone coinvolte.

L’attività del sito ugotposted.com, ideato dal giovane californiano Kevin Christopher Bollaert, si basava sulla raccolta di file postati da utenti disposti a pubblicare le foto dei momenti di intimità passati con i rispettivi ex partner, con l’inequivocabile intento di procurare loro più danno possibile. Il sito d’archivio delle “vendette”, attivo dal dicembre 2012 al settembre 2013, aveva pubblicato oltre 10.000 immagini online.

Bollaert aveva inoltre avviato in parallelo un secondo sito, changemyreputation.com, che offriva come unico servizio quello di permettere alle vittime delle pubblicazioni di ugotposted.com di ottenere la rimozione delle proprie immagini, dietro un compenso di 300/350 dollari. In questo modo, il ventisettenne californiano amministratore dei due domini avrebbe ricavato circa 30.000 dollari.

Il 21 Febbraio 2015, i giudici della Corte di San Diego (California) hanno riconosciuto Bollaert colpevole di sei casi di estorsione e 21 di furto d’identità. È stato condannato a 18 anni di carcere e al pagamento di 10.000 dollari di multa.

La sentenza, ha specificato il procuratore generale K. D. Harris, è un precedente importante, che rende chiare “le conseguenze gravi a cui andranno incontro coloro che tenteranno di trarre profitto dallo sfruttamento di vittime online”.

Il procuratore, definendo il revenge porn un atto “vile e criminale”, ha poi confermato l’impegno “a vigilare e indagare e perseguire coloro che commettono simili deplorevoli atti”.

Aggiungi commento

Direttore Scientifico
Prof. Avv. Giusella Finocchiaro
Curatrice Editoriale
Dott. Giulia Giapponesi