Diritto & Internet

TED: Come evitare di essere sorvegliati

Dopo il recente intervento del Garante privacy sul tema della validità processuale delle intercettazioni vi proponiamo un’interessante riflessione recentemente presentata alla conferenza TED 2015.

Da oltre 100 anni, i nostri telefoni e le reti che trasmettono le nostre chiamate sono stati cablati per la sorveglianza. Oggi molti produttori di smartphone e software hanno inserito funzioni di criptazione nei loro prodotti che rendono sempre più difficile per gli estranei accedere alle nostre conversazioni. Questo da un lato aumenta la nostra privacy e dall’altro diminuisce le possibilità di intervento governativo in caso di crimini.

Christopher Soghoian, espetrto di hackeraggi e attivista per le libertà civili, racconta in questo video come possiamo difenderci dal controllo sulle nostre comunicazioni e invita ad una riflessione sul rapporto fra privacy e sicurezza.

Viviamo in un periodo e in un mondo pericolosi, e là fuori ci sono persone molto cattive. Ci sono terroristi e altre serie minacce alla sicurezza nazionale e tutti noi vogliamo che siano monitorate da FBI e NSA.
Ma questo tipo di sorveglianza ha un costo. E la ragione è che non esistono computer portatili per terroristi o cellulari per spacciatori. Usiamo tutti gli stessi dispositivi di comunicazione. Questo significa che se le telefonate degli spacciatori o quelle dei terroristi possono essere intercettate, allora anche le nostre possono esserlo. E dobbiamo davvero chiederci: è giusto che un miliardo di persone nel mondo utilizzi dispositivi facili da controllare?

Aggiungi commento

Direttore Scientifico
Prof. Avv. Giusella Finocchiaro
Curatrice Editoriale
Dott. Giulia Giapponesi